Home / tecnologia / TELELAVORO, 3 CONSIGLI PER LAVORARE DA CASA

TELELAVORO, 3 CONSIGLI PER LAVORARE DA CASA

Ecco come realizzare l’homeoffice perfetto, curando con attenzione ogni dettaglio: una miniguida per chi si appresta a lavorare da casa

Negli ultimi anni si sono diffuse a macchia d’olio nuove tipologie di lavoro digitali, come il blogger, lo youtuber, il content specialist piuttosto che il Seo o Sem Specialist ecc… tutte queste figure grazie alla digitalizzazione e all’ingresso di nuovi e sempre più numerosi device (il cellulare, il tablet o il PC portatile) hanno totalmente cambiato il modo di concepire il lavoro.

Molte delle attività pratiche, come ad esempio file scritti a mano, documenti, pianificazione del lavoro, catalogazione dei documenti, creazioni grafiche ecc… sono digitalizzati. Pertanto la maggior parte delle attività lavorative oggi si svolgono davanti ad un computer. La nuova tendenza però si è spinta ben oltre, delocalizzando l’attività lavorativa, permettendo ai nuovi lavoratori 3.0 di svolgere i propri doveri in qualsiasi posto essi vogliano, basta avere un PC portatile e una buona connessione ad Internet. La digital revolution sta lentamente trasformando le nostre case in veri e propri uffici, dotanti di comodità sopra la media: pensate a una vita in cui non dovete affrontare il traffico della mattina o l’incubo dei mezzi pubblici. Quanto sarebbe bello?!

L’Homeoffice non è totalmente diffuso in Italia, non solo manca una certa regolamentazione, ma i capi aziendali non sono ancora totalmente inclini e fiduciosi nei confronti di questa nuova tendenza, anche se già molte grandi aziende hanno introdotto almeno un giorno di Homeoffice a settimana per i propri dipendenti.

Come ogni innovazione, le nuove forme di lavoro 3.0 spaventano, come spaventa ogni tipo di cambiamento, in quanto necessita una messa in discussione, una formazione e un aggiornamento personale che è difficile da accettare quando sono ormai molti anni che si lavora; molte attività lavorative cambieranno, molte lentamente scompariranno, soppiantate dalle nuove tipologie di lavoro e solo se saremo capaci d’intendere la tecnologia come “una risorsa” riusciremo a vincere la sfida della trasformazione del lavoro del nostro tempo.

Mentre riflettete su come sarebbe bello lavorare da casa senza dover passare 1 ora di tempo in macchina o sui mezzi pubblici italiani, vi do 3 semplici consigli per lavorare al meglio da casa.

1 – CREARE UNO SPAZIO AD HOC

Il primo grande problema del lavorare da casa è la questione della DISTRAZIONE. È ormai risaputo che la maggior parte delle persone quando si trovano in luogo familiare fanno molta più fatica a mantenere una concentrazione alta. Cosa potete fare per conciliare una buona concentrazione, separare gli spazi, creare se possibile un’ala studio/lavoro priva di qualsiasi tipologia di distrazione, che sia una camera o semplicemente una parte del salotto poco importa.

2 – AVERE UNA BUONA ILLUMINAZIONE

La concentrazione e il benessere dei nostri occhi sono di fondamentale importante, pertanto ricordatevi di utilizzare non solo le giuste luci, in termini di colore e d’intensità, ma anche di non abusare eccessivamente della luce artificiale, ma di cercare un giusto compromesso.

3 – ESSERE SUPER EQUIPAGGIATI

Per lavorare a casa non vi basterà avere una penna, dovete dotare il vostro Home Office di una bella scrivania, un PC, una buona connessione internet e una buona fornitura di materiale di cartoleria. Oggi è possibile ordinare i vari prodotti online e farseli arrivare direttamente a casa, potendo godere di convenienti sconti. Ne esistono davvero molti, ma uno che vale la pena di visitare è il catalogo cartoleria per ufficio di Caprioli. Provatelo e ditemi cosa ne pensate.

 

 

 

VIDEO

telelavoro a Poste Italiane

L'esperiment...

CHE COSA È IL TELELAVORO? - Le FAQ sul lavoro in video - 16

Il...

Telelavoro e smart working: la mia esperienza in 4 minuti

In questo...

Chi è Fronte del Blog

Le news della Terza Repubblica

Leggi anche

FACE YOUR PHANTOMS: le metamorfosi di Andrea G. Pinketts

Le opere di Alexia Solazzo e gli incipit dei racconti di Andrea G. Pinketts avranno un futuro letterario in un libro d’arte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi