Home / Delitti / Edgar Bianchi e le stagioni degli stupratori seriali

Edgar Bianchi e le stagioni degli stupratori seriali

Il maniaco dell’ascensore non è l’unico tornato a colpire dopo essere uscito dal carcere. Gli stupratori seriali abbondano in Italia come all’estero. E di rado vengono puniti severamente

Edoardo Montolli per Gqitalia.it

Ora dice di nuovo che è pentito. Che non voleva, ma ci è cascato. Che vuole essere curato. Edgar Bianchi ha colpito ancora. Stavolta a Milano. Ma la scena del crimine è la stessa che lo vide protagonista a Genova, dove divenne famigerato come il “maniaco degli ascensori”: la vittima trascinata in ascensore e violentata sul pianerottolo. Ha 40 anni, originario di Prà, nel ponente. E la sua storia inizia dodici anni e venticinque vittime fa, nel capoluogo ligure, dove diventerà un incubo per dieci mesi.

Il passato
La prima volta accade intorno al Natale del 2005: tre aggressioni, tutte avvenute in un solo modo. Ossia ragazzine tra i 12 e i 14 anni assalite e violentate negli androni dei palazzi. Le forze dell’ordine cominciano una caccia senza sosta. In cerca di testimoni, trovano qualcuno che sostiene come l’aggressore abbia una vaga somiglianza col calciatore Ciro Ferrara. L’informazione, che si rivelerà errata, porta in carcere un portuale di 32 anni, scagionato al momento della prova all’americana perché non riconosciuto dalle vittime. Gli spetteranno 25mila euro di risarcimento per ingiusta detenzione. La stessa sorte tocca ad altri due sventurati. L’identikit intanto si affina: colpa delle nuove aggressioni, che salgono a ritmo vertiginoso. Il modus operandi non cambia. Così vengono eliminate dall’identikit le fattezze del calciatore e si parla di un giovane dai capelli lunghi raccolti in un codino. È per un mero caso che un poliziotto nota all’uscita da un centro commerciale un giovane che è due gocce d’acqua col nuovo ritratto in mano agli inquirenti. Fa il barista proprio lì. Si chiama Edgar Bianchi, è incensurato e il suo telefono aggancia le celle dei luoghi delle aggressioni, salite intanto a 25. Quando le vittime iniziano a riconoscerlo, scattano le manette e il caso si chiude. O quasi. Una perizia psichiatrica individua in lui un “narcisismo istrionico con tendenze sadiche”. Edgar scrive dal carcere e si dichiara pentito. Chiede scusa. Gli danno 14 anni e otto mesi. In appello diventano dodici. Poi calano ancora per via dell’indulto che cancella i reati minori (tentata violenza e atti osceni). In prigione ha un comportamento modello. A settembre 2014 è così libero. Fa sapere alle vittime che cercherà un lavoro per risarcirle.

Il tutore
Riappare a Milano tre anni più tardi. Aggredisce una tredicenne e anche stavolta viene preso per un caso. È per via del tutore che usa alla gamba sinistra che due poliziotti lo collegano infatti a un uomo abbonato alla metro. E non appena arrivano al nome e controllano al terminale, ecco che il computer fornisce un quadro incredibile: 25 precedenti. Chiedono alla vittima se l’aggressore possa essere lui e, alla risposta affermativa, si muovono in 150 per stanarlo. Ma Edgar è più veloce. E va a costituirsi, dopo che l’avvocato ha preannunciato alla Procura il suo arrivo. Dirà il barista: «Pensavo di essere guarito, avevo una vita normale e una fidanzata, volevo sposarmi, ma ci sono ricaduto e voglio essere curato».

I precedenti
Non è la prima volta che gli stupratori seriali tornano a colpire una volta usciti di prigione. In anni recenti successe ad esempio con Rocco M., di Potenza, che violentò la madre 85enne di un amico dopo essere stato in carcere nove anni, dal 1999 al 2008, per stupri ai danni di ultrasettantenni. Identico “percorso recidivo” fu seguito dal magazziniere milanese Daniele S., uscito dal carcere nel 2006 dopo aver scontato tre anni per altrettanti stupri. E condannato nel 2009 a dieci anni dopo l’ennesima denuncia per la quale, alla fine, aveva confessato: un’ecuadoriana aveva letto un annuncio sul giornale in cui si cercava una badante. Arrivata a casa sua, Daniele la narcotizzò con un caffè misto a benzodiazepine e, una volta addormentata, la violentò.

(continua su Gqitalia.it)

Edoardo Montolli per Gqitalia.it

Gli ultimi libri di Edoardo Montolli:

 

 

VIDEO

Edgar Bianchi molesta tredicenne, fermato a Milano il ' maniaco dell'ascensore '

Il maniaco...

Chi è il maniaco dell'ascensore? La storia di Edgar Bianchi - La Vita in Diretta 29/09/2017

LA PUNTATA...

SPECIALE EDGAR BIANCHI IL MANIACO DELL ASCENSORE

Chi è Edoardo Montolli

Edoardo Montolli, giornalista, è autore di diversi libri inchiesta molto discussi. Due li ha dedicati alla strage di Erba: Il grande abbaglio e L’enigma di Erba. Ne Il caso Genchi (Aliberti, 2009), tuttora spesso al centro delle cronache, ha raccontato diversi retroscena su casi politici e giudiziari degli ultimi vent'anni. Dal 1991 ha lavorato con decine di testate giornalistiche. Alla fine degli anni ’90 si occupa di realtà borderline per il mensile Maxim, di cui diviene inviato fino a quando Andrea Monti lo chiama come consulente per la cronaca nera a News Settimanale. Dalla fine del 2006 alla primavera 2012 dirige la collana di libri inchiesta Yahoopolis dell’editore Aliberti, portandolo alla ribalta nazionale con diversi titoli che scalano le classifiche, da I misteri dell’agenda rossa, di Francesco Viviano e Alessandra Ziniti a Michael Jackson- troppo per una vita sola di Paolo Giovanazzi, o che vincono prestigiosi premi, come il Rosario Livatino per O mia bella madu’ndrina di Felice Manti e Antonino Monteleone. Ha pubblicato tre thriller, considerati tra i più neri dalla critica; Il Boia (Hobby & Work 2005/ Giallo Mondadori 2008), La ferocia del coniglio (Hobby & Work, 2007) e L’illusionista (Aliberti, 2010). Dirige la casa editrice Algama (www.algama.it).

Leggi anche

Vendesi villa de “Il nostro piccolo grande amore”. Costo: 1,2 milioni di dollari

La casa di Bill Klein e Jennifer Arnold, la coppia protagonista del reality famigliare di Real Time, è in vendita. La prossima stagione i due gireranno dalla nuova abitazione in Florida. Ma guarda che lusso hanno messo a disposizione degli acquirenti...

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi