Home / Brera Dixit / Le banche migliorano. Era ora

Le banche migliorano. Era ora

Chi legge la stampa estera sa che le banche italiane sono divenute proverbiali. Tristemente proverbiali, in effetti. A sentire i nostri amici transalpini, sono sempre sull’orlo del baratro e presto ci cadranno, oppure richiederanno una mostruosa iniezione di denaro tedesco per mantenersi in piedi.

Questa visione è sempre stata una deformazione, ma non c’è dubbio che il nostro sistema bancario abbia attraversato negli anni scorsi una crisi profonda.

E adesso? Nel 2017, a quanto pare, siamo entrati in fase di risalita. Il sito finanzareport.it, citando uno studio della Uilca, ha rivelato che nel primo semestre l’utile aggregato delle prime tredici banche è quasi raddoppiato. Assaporatela bene, perché questa è l’ultima cifra che ho intenzione di citare in queste righe: sono 4,7 miliardi di euro. Ma del resto che le cose stiano migliorando lo si percepisce anche solo a leggere le relazioni semestrali. Perfino quando riportano svalutazioni o perdite, è chiaro che il vento è girato..

Perché il settore del credito è andato tanto in crisi? I motivi sono diversi. Il primo è il mancato intervento dello Stato dopo lo scoppio della crisi finanziaria. Le banche italiane erano poco ingombre dei derivati tossici che hanno messo in ginocchio quelle di mezzo mondo. Perciò lo Stato è rimasto a guardare, facendo poco o nulla. E poco o nulla, quando non danno, ha fatto negli anni successivi, quando sono entrati in gioco gli altri motivi della debolezza: un’economia che non cresce e a cui lo Stato sottrae sempre più risorse con la tassazione; corruzione politica; organici pesanti;bassi tassi d’interesse; molti cattivi pagatori che aumentano i crediti non performanti, con un mercato finanziario incapace di renderli liquidi.

Tutto questo, come un ghiacciaio, richiedeva tempo per sciogliersi. Nell’ultimo anno e mezzo, il disgelo si è avviato con piccoli miglioramenti incrementali. La ripresa ha fatto la sua parte.

Resta un problema: le imprese, specie quelle piccole e medie che dominano il panorama produttivo, non stanno attingendo molto al credito. E stavolta non perché le banche siano meno disponibili a concederlo, ma perché negli investimenti le imprese ancora non premono sull’acceleratore. Le banche prestano di meno e hanno margini di intermediazione inferiori; allora si rifanno sulle commissioni e scrollano via i dipendenti. Non è una situazione sana.

Paolo Brera

Gli ultimi libri di Paolo Brera:

 

Chi è Paolo Brera

Paolo Brera è nato nel secolo scorso, non nella seconda metà che sono buoni anche i ragazzini, ma nell’accidentata prima metà, quella con le guerre e Charlie Chaplin. Poi si è in qualche modo trascinato fino al terzo millennio.Lo sforzo non gli è stato fatale, ma quasi, e comunque potete sempre aspettare seduti sulla riva del fiume. Nella sua vita ha fatto molti mestieri, che a leggerne l’elenco ci si raccapezza poco perfino lui: assistente universitario di quattro discipline diverse (storia economica, diritto privato comparato, eocnomia politica e marketing), vice export manager di un’importante società petrolifera, consulente aziendale, giornalista, editore, affittacamere e scrittore. Ha pubblicato una settantina di articoli scientifici o culturali, tradotti in sei lingue europee, due saggi (Denaro ed Emergenza Fame, quest’ultimo pubblicato insieme a Famiglia Cristiana), due romanzi e una trentina di racconti di fantascienza, sei romanzi e una decina di racconti gialli, più un fritto misto di altri racconti difficili da definire.Negli ultimi anni si è scoperto la voglia di tradurre grandi autori, per il piacere di fare da tramite fra loro e il pubblico italiano. Questo ha voluto dire mettere le mani in molte lingue (tutte indoeuropee, peraltro). Il conto finora è arrivato a quindici. Non è che le parli tutte, ma oggi c’è il Web che per chi lo sa usare è anche un colossale dizionario pratico. L’essenziale è rendere attuali questi scrittori e i loro racconti, sfuggire all’aura di erudizione letteraria che infesta l’accademia italiana, e produrre qualcosa che sia divertente da leggere. Algama sta ripubblicando le sue opere in ebook, a partire dalla serie dei romanzi con protagonista il colonnello De Valera.

Leggi anche

Al via il calvario della Brexit

Con la richiesta di applicare l’Articolo 50, si apriranno i negoziati per l’uscita della Gran …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi