Home / Bar Sport / Atalanta con mister Gasperini per l’Europa, Verona Pecchia in bilico arriva Di Carlo?

Atalanta con mister Gasperini per l’Europa, Verona Pecchia in bilico arriva Di Carlo?

 

 

 

 

Il football italico di provincia: che siamo tutti provinciali in fondo, beh è una cosa seria… più del Babà.

A Bergamo sponda nerazzurra atalantina della città, laddove il club presieduto da Percassi è un popolo, ecco i tifosi nerazzurri, col bravo mister Gasperini ormai eletto a guida (o Vate fate voi) della piazza, con profonda, partecipe e commossa attesa e con le casacche ad hoc griffate dallo sponsor speciale Radici Group aspettano fiduciosi il debutto, ahinoi al Mapei Stadium di Reggio Emilia (il templio calcistico orobico non è a norma attualmente per le coppe europee) dove è in arrivo l’Everton.

E … la voglia di fare uno scherzetto da prete agli inglesi, sottotraccia è … vivissima.

Spostiamoci di qualche chilometro, pur restando in clima provinciale e, virtualmente viriamo su Verona ove, al contrario del capoluogo bergamasco, calcisticamente parlando il momento è gramo. E… nella patria di Romeo e Giulietta, l’allenatore gialloblù Pecchia rischia un sacco. In preallarme ci sarebbe, pronto a subentrare, Mimmo Di Carlo. Mentre sullo sfondo, condizionale d’obbligo, la procura federale avrebbe aperto un indagine per verificare chi sia il reale proprietario (tra Setti e Volpi) del Verona. Bufala pre autunnale questa, o… gramo sussurro da approfondire? Lo scopriremo vivendo che il football di provincia è roba seria.

Stefano Mauri

 

 

Chi è Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi