Home / Bar Sport / Leonardo Bonucci al Milan: storia di un rapporto mai nato con Allegri e non solo

Leonardo Bonucci al Milan: storia di un rapporto mai nato con Allegri e non solo

 

 

 

E così, per 40milioni di Euro, quando l’anno scorso il Chelsea, ricevendo un secco no ne aveva offerti 60milioni (ma sarà vero?), Leonardo Bonucci detto Leo, lascia la Juventus per approdare al Milan di Vincenzo Montella, trainer questo, probabilmente più gradito al forte difensore italico il quale, col suo ex Coach bianconero Max Allegri mai aveva legato del tutto, alla faccia delle smentite di facciata. Ovviamente. Per inciso pur smentitissimo, qualche spiffero, nello spogliatoio di Cardiff, tra Leo il caliente e due o tre compagni, per così’ dire era soffiato. Vi pare?

Fortemente voluta dallo stesso calciatore (udite, udite a Milano potrebbe addirittura diventare il nuovo capitano milanista), questa illustre cessione apre almeno due scenari.

Il primo riguarda il sodalizio rossonero, oggi, sorprendente protagonista di una campagna acquisti faraonica (del resto, con Elliot alle calcagna, per sistemare al più presto la questione del prestito ottenuto proprio dal medesimo fondo finanziario, beh serve vincere prima possibile, così per evitare sorpresone, ndr) e, di conseguenza, serio pretendente alla lotta scudetto nella stagione 2017 – 2018 ormai in procinto di partire. Montella, attraverso l’avvento del pupillo di Conte (e Ventura) chissà, magari cambierà (mai dire mai) modulo attingendo dal 3-5-2.

La seconda situazione è riferita alla Vecchia Signora, Regina d’Italia, bianconera vittima, o … ispiratrice, di una mini rivoluzione interna per rinnovarsi, senza, si spera, perdere lo smalto dei giorni migliori. Quella di Bonucci per intenderci, pur pesante… presumibilmente è stata una fisiologica, indispensabile cessione. Ma ora occorre lavorare per tornare protagonisti già da … oggi. No?

Stefano Mauri

 

 

 

Chi è Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Leggi anche

Agnelli diviso tra Juventus, Ferrari, Exor, pensieri, sconfitta e quel desiderio di …

  Ora, nonostante le smentite ufficiali e le varie dichiarazioni ad hoc, secondo il web …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com