Home / Bar Sport / Per gli inglesi, Dagospia (e non solo), il Milan (che sogna Mancini?) sarà di …Elliot

Per gli inglesi, Dagospia (e non solo), il Milan (che sogna Mancini?) sarà di …Elliot

 

 

Secondo la stampa inglese e il sito Dagospia, alla fine il Milan più che cinese, ecco avrebbe qualche chance difinire nelle proprietà del fondo Elliot Management di mister Paul Singer.

Intanto sicuramente da lì, cioè dal fondo poc’anzi citato, arriva il prestito (300milioni di euro) che, al cinese Li Yonghong (in Cina i media non parlano volentieri e facilmente di lui) ha permesso di chiudere, settimane fa, il fatidico closing. Ora, chissà magari dietro Li potrebbero esserci altri investitori orientali (il governo cinese tuttavia ha posto restrizioni sugli investimenti verso l’estero), ergo la situazione magmatica lascerebbe aperti vari scenari, ma qualora lui e la sua ipotetica cordata non riusciranno a sanare i debiti, allora lo status societario (tuttora non definito del tutto) futuro rossonero rischierebbe di diventare ancor più nebuloso.

Secondo il giornalista inglese Ed Aarons (il suo servizio sul giornale The Guardian e poi ripreso dal sito Dagospia parte da quanto, rilasciato, a suo tempo, dal cronista del CorSera Alberto Costa. A proposito, così si espresse Costa: <Non sono sicuro che questo Milan nuovo abbia le risorse per tornare a vincere. Ci sono debiti ingenti da coprire>- ndr) e il sociologo Pippo Russo poi, la presenza nell’attuale Cda rossonero dell’ex numero uno dell’Eni Paolo Scaroni (“alleato” dell’ex patron milanista Silvio Berlusconi), quantomeno è singolare. Già a che titolo Scaroni è consigliere del Milan?

Ciò detto sul campo, l’amministratore delegato Fassone e il direttore sportivo Mirabelli, in silenzio e sodo lavorano per riportare in auge il football del Diavolo nel minor tempo possibile. Mister Vincenzo Montella (occhio alla tentazione Roma e … alla Juve) dovrebbe restare, ma a Fassone intriga assai l’ex trainer nerazzurro Roberto Mancini.

Insomma al Milan, per riproporsi alla grande, da percorrere rimane moltissima strada. No?

Stefano Mauri

 

 

 

 

 

Chi è Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Leggi anche

Napule e l’avvio da incubo in Champions: ma è competitiva la nostra serie A?

    Complice un inizio di partita shock, da vero e proprio incubo quindi, il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi