Home / Economy / La Via della Seta

La Via della Seta

Il progetto, annunciato nel 2013, è stato presto proclamato una delle Tre Strategie della Cina e costituisce un intero capitolo del Piano quinquennale in corso, che scadrà nel 2020. Che cos’è? Diciamo che risponde al colorito nome di “Cintura Economica della Via della Seta”. La logica è che la Cina, avendo rapidamente asceso le graduatorie mondiali fino a diventare la più grande economia del mondo, vuole ora raggruppare un gran numero di Paesi intorno alla sua forza industriale e finanziaria. Una volta di più, si dimostra che la leadership cinese sa pensare in grande e con un orizzonte di secoli.

Il progetto è colossale. Sono interessati 65 Stati con il 30% del pil e i tre quinti della popolazione del mondo, in tutto 4,5 miliardi di abitanti. Il piano prevede di collegarli con una gigantesca rete di trasporti terrestri e marittimi, più una rete elettrica interconnessa e una di fibre ottiche.

Questo enorme sforzo di investimento è stato ben accolto dai Paesi interessati. Uno dei motivi è semplicissimo: «Altri Paesi hanno un sacco di idee, ma non hanno soldi» ha spiegato Hun Sen, il primo ministro cambogiano: «Mentre la Cina, quando viene fuori con un’idea, mette sul piatto anche i soldi per realizzarla».

La Via della Seta offre evidenti vantaggi economici, ma su questa scala è ben difficile separarli da quelli geopolitici. Da una parte, il progetto assorbirà parte della sovracapacità che si è accumulata nell’industria cinese, e ha la potenzialità di sviluppare l’economia della Cina occidentale, che confina con l’Asia centrale. Dall’altra, la Via della Seta potrebbe proiettare la Cina in un ruolo mondiale completamente nuovo, un po’ come gli Stati Uniti con il Piano Marshall all’indomani della Guerra Mondiale. Dopo questo sforzo, diventerà impossibile escludere Pechino da qualunque discussione geopolitica od economica. La Cina sarà un serio comprimario per gli Stati Uniti, che si stanno invece ripiegando su sé stessi con la presidenza pasticciona e isolazionista di Trump.

Secondo il Credit Suisse, nel prossimo quinquennio l’investimento complessivo della Cina nel progetto potrebbe arrivare a 500 miliardi di dollari. Nel finanziamento, però, gli ingenti capitali messi dalla Cina faranno anche da volano per le risorse di altri Paesi. Un ruolo importante è riservato alla Banca Asiatica per gli investimenti infrastrutturali, che ha una partecipazione cinese pari a un terzo, con praticamente tutti i suoi membri che sono fra i 65 coinvolti nella Via della Seta. Anche questo è un modo per esercitare una leadership.

Paolo Brera

Chi è Paolo Brera

Paolo Brera è nato nel secolo scorso, non nella seconda metà che sono buoni anche i ragazzini, ma nell’accidentata prima metà, quella con le guerre e Charlie Chaplin. Poi si è in qualche modo trascinato fino al terzo millennio.Lo sforzo non gli è stato fatale, ma quasi, e comunque potete sempre aspettare seduti sulla riva del fiume. Nella sua vita ha fatto molti mestieri, che a leggerne l’elenco ci si raccapezza poco perfino lui: assistente universitario di quattro discipline diverse (storia economica, diritto privato comparato, eocnomia politica e marketing), vice export manager di un’importante società petrolifera, consulente aziendale, giornalista, editore, affittacamere e scrittore. Ha pubblicato una settantina di articoli scientifici o culturali, tradotti in sei lingue europee, due saggi (Denaro ed Emergenza Fame, quest’ultimo pubblicato insieme a Famiglia Cristiana), due romanzi e una trentina di racconti di fantascienza, sei romanzi e una decina di racconti gialli, più un fritto misto di altri racconti difficili da definire.Negli ultimi anni si è scoperto la voglia di tradurre grandi autori, per il piacere di fare da tramite fra loro e il pubblico italiano. Questo ha voluto dire mettere le mani in molte lingue (tutte indoeuropee, peraltro). Il conto finora è arrivato a quindici. Non è che le parli tutte, ma oggi c’è il Web che per chi lo sa usare è anche un colossale dizionario pratico. L’essenziale è rendere attuali questi scrittori e i loro racconti, sfuggire all’aura di erudizione letteraria che infesta l’accademia italiana, e produrre qualcosa che sia divertente da leggere. Algama sta ripubblicando le sue opere in ebook, a partire dalla serie dei romanzi con protagonista il colonnello De Valera.

Leggi anche

Fitch sonda i finanzieri sulla Brexit

Un sondaggio mostra che il maggiore timore degli investitori in Europa è la geopolitica Non …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi