Home / Casazza Report / I delitti di Varese di Laura Veroni: due accattivanti investigatrici “politically incorrect”

I delitti di Varese di Laura Veroni: due accattivanti investigatrici “politically incorrect”

“I delitti di Varese” di Laura Veroni, edito da Fratelli Frilli, giallo di provincia persino troppo radicato nella pur bellissima città lombarda, ha una trama così complessa e avvincente che è opportuno non soffermarvisi, lasciando al lettore il piacere di gustarla senza anticipazioni.

Meritano invece una menzione speciale, nella vasta e variegata galleria di personaggi del romanzo, le due protagoniste, di cui si preannunciano altre collaborazioni in futuri sequel.

Elena Macchi è un Pubblico Ministero che contraddice apertamente allo stereotipo della donna magistrato come tende a presentarcela la fiction nostrana, ovvero femminile e sensibile, una sorta di controcanto in un ambiente dominato dalla durezza e dall’ aridità maschili.

Nossignori: la dottoressa Macchi è scostante, esteta e libertina.

Con testimoni ed indagati, ed anche coi colleghi, si pone in modo provocatorio e aggressivo, tanto da riuscir loro odiosa e ciò, ben lungi da rappresentare per lei un problema, le permette di condurre l’inchiesta con penetrante, spietato distacco. E successo professionale assicurato.

La dottoressa Macchi ha una cura attenta, quasi maniacale del proprio fisico, che coltiva sia dal punto di vista atletico, con costanti sedute in palestra, sia dal punto di vista dell’avvenenza muliebre.

All’occorrenza, a seconda della situazione e dell’abbigliamento (riguardo al quale ha gusti raffinatissimi) può diventare un’efficiente donna d’azione o una spettacolare “sventola”.

E’ single, per deliberata ribellione verso l’ipocrisia matrimoniale dei suoi genitori, ma sessualmente vivace, pur non mancando mai di chiudere la porta in faccia alle sue occasionali conquiste maschili.

Volendo riassumere, un monumento vivente all’emancipazione femminile.

Poi c’è Silvia Mameli, psicologa forense esperta in serial killer.

Anche lei avvenente, formosa “zitella” tutta dedita al lavoro, nel quale è meritatamente considerata un pozzo di scienza, tanto che Procure e televisioni si contendono la sua illuminata collaborazione.

La Mameli è lontana dall’asprezza “mascolina” della Macchi ma dietro il suo aplomb di competente studiosa si cela la risorsa di un’irrequieta, forse indifesa ma proficua ricchezza umana, perché uno psicologo per riuscire nel proprio mestiere, che consiste nel comprendere l’anima altrui, deve esser capace di mettere in gioco se stesso.

E la Mameli da questo punto di vista non si tira indietro.

Insomma, un’adorabile problematica vedetta sui lati oscuri dello spirito.

Rino Casazza

L’ULTIMO THRILLER DI RINO CASAZZA:

Sherlock Holmes, Padre Brown e il delitto dell’indemoniata (Gli apocrifi)

Bergamo, un anno imprecisato ai primi del novecento. Padre Brown e Flambeau si trovano nella cattolicissima città lombarda per un periodo di riposo e meditazione. Nel palazzo antistante al convento dove sono alloggiati avviene un terribile caso di omicidio/suicidio, al centro del quale c’è una giovane contessa che da qualche tempo mostrava inequivocabili segni di …

Additional images:

Product Thumbnail

Price: 2,99

Buy Now

TUTTI I THRILLER DI RINO CASAZZA:

Chi è Rino Casazza

Rino Casazza è nato a Sarzana, in provincia di La Spezia, nel 1958. Dopo la laurea in Giurisprudenza a Pisa, si é trasferito in Lombardia. Attualmente risiede a Bergamo e lavora a Milano. E’ da sempre un appassionato (come lettore, prima che come autore) della letteratura "di genere" in tutte le sue sfaccettature: giallo-noir, horror, fantascienza ecc. ecc. Altra sua grande passione sono il cinema, come testimonial la tesi di laurea sulla censura cinematografica, e il teatro, frequentato non solo come spettatore ma anche, in gioventù, come praticante dilettante. Il suo primo testo "letterario" è infatti la trasposizione teatrale della novella di Buzzati "Iago", di cui nel 1985 ha osato una regia. Oltre a numerosi romanzi brevi (tra cui quelli che hanno come protagonista il prete detective Don Patrizio Bruni) e racconti su pubblicazioni, riviste e collane varie, ha pubblicato cinque romanzi, tra cui, lo scorso giugno, il giallo Bergamo sottosopra, 0111 Edizioni. E a luglio il thriller, scritto con Daniele Cambiaso "La logica del Burattinaio", edito da Algama e ispirato al serial killer bambino William Vizzardelli

Leggi anche

Black and Blue di Andrea Carlo Cappi: indigeno in terra straniera

Il motto “Straniero in casa propria” é  universalmente noto, non foss’altro perché corollario di quello …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com