Home / Brera Dixit / Euro, quando a contare è la politica

Euro, quando a contare è la politica

Il vecchio detto giornalistico insegna che un cane che morde un uomo non fa notizia, perché è una cosa che succede tutti i giorni; mentre un uomo che morde un cane fa notizia perché capita molto di rado. C’è un problema, però, per chi si occupa di economia. L’economia è il regno del quantitativo. Per quanti sforzi facciano i miei colleghi giornalisti per drammatizzare quello che succede e renderlo mediaticamente interessante, il numero degli uomini morsicati dai cani in un anno, come evento economico, ha più importanza dell’exploit una tantum di qualche eccentrico morsicatore di cani.

Ma è pur vero che a volte certi indicatori economici si muovono anche come risultato di singoli “entelechiani” (per usare l’espressione del mio odiato professore di Economia politica alla Bocconi, Carlo De Maria, chissà se qualcuno ancora sa chi era). Fatti improvvisi inediti imprevisti – e allora il cambio di una valuta precipita, o un ripresa si interrompe, eccetera. In certi campi, data l’alta autocorrelazione di certe variabili, l’evento devia durevolmente certe variabili. Un trend si arresta, ne comincia un altro.

Per due euro — un libro!

L’attesa per i risultati elettorali è un periodo molto particolare appunto perché la gente sa quanto possano incidere, anche solo per motivi psicologici, avvenimenti una tantum come questi. La settimana prossima la Francia vota per scegliere i due candidati a presidente della Repubblica che andranno al ballottaggio due settimane dopo. Previsione: grande successo del Front National al primo turno, elezione del centrista Macron al secondo. Macron è un europeista convinto. In autunno vota la Germania: la Merkel potrebbe uscirne indebolita, o addirittura sconfitta da Martin Schulz, in precedenza presidente del Parlamento europeo, altro europeista. In entrambi i Paesi centrali dell’Ue, insomma, potrebbe rafforzarsi la posizione a favore della costruzione europea.

Fra tutti gli elementi che significano qualcosa in campo economico, niente sarà più reattivo dell’euro a un’evoluzione del genere. “Moneta comune vuol dire politica comune” ha osservato Bernard-Henri Lévy: “Se negli anni che abbiamo davanti non ci sarà un significativo balzo in avanti, l’euro non sopravviverà. Crollerà”. Corollario: se invece il balzo si preannuncerà, chissà i fuochi artificiali sull’euro.

Ebbene sì. È proprio questo che prevede Société Générale. Fino a giugno l’euro starà a 1,07 dollari, poi salirà e per dicembre arriverà a 1,11. Andres Jaime, strategist di Barclays per i mercati valutari e i tassi d’interesse, dice che “l’euro è vicino a una svolta, tra l’inflazione che accelera e i dati economici più forti”. Nonostante le minacce ancora presenti, il corso della valuta potrebbe salire dopo “l’eccessiva influenza del rischio politico previsto per il 2017”.

Paolo Brera

GLI ULTIMI LIBRI DI PAOLO BRERA:

Acquista su Amazon.it

Chi è Paolo Brera

Paolo Brera è nato nel secolo scorso, non nella seconda metà che sono buoni anche i ragazzini, ma nell’accidentata prima metà, quella con le guerre e Charlie Chaplin. Poi si è in qualche modo trascinato fino al terzo millennio.Lo sforzo non gli è stato fatale, ma quasi, e comunque potete sempre aspettare seduti sulla riva del fiume. Nella sua vita ha fatto molti mestieri, che a leggerne l’elenco ci si raccapezza poco perfino lui: assistente universitario di quattro discipline diverse (storia economica, diritto privato comparato, eocnomia politica e marketing), vice export manager di un’importante società petrolifera, consulente aziendale, giornalista, editore, affittacamere e scrittore. Ha pubblicato una settantina di articoli scientifici o culturali, tradotti in sei lingue europee, due saggi (Denaro ed Emergenza Fame, quest’ultimo pubblicato insieme a Famiglia Cristiana), due romanzi e una trentina di racconti di fantascienza, sei romanzi e una decina di racconti gialli, più un fritto misto di altri racconti difficili da definire.Negli ultimi anni si è scoperto la voglia di tradurre grandi autori, per il piacere di fare da tramite fra loro e il pubblico italiano. Questo ha voluto dire mettere le mani in molte lingue (tutte indoeuropee, peraltro). Il conto finora è arrivato a quindici. Non è che le parli tutte, ma oggi c’è il Web che per chi lo sa usare è anche un colossale dizionario pratico. L’essenziale è rendere attuali questi scrittori e i loro racconti, sfuggire all’aura di erudizione letteraria che infesta l’accademia italiana, e produrre qualcosa che sia divertente da leggere. Algama sta ripubblicando le sue opere in ebook, a partire dalla serie dei romanzi con protagonista il colonnello De Valera.

Leggi anche

Bilancio, quasi niente su tasse ed equità

  Potremo mai sperare, finita l’era di Renzi, che il prossimo governo metta all’ordine del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com