Home / Bar Sport / Sì, con la vittoria sul Barcellona in Champions è nata la Juve di Dybala

Sì, con la vittoria sul Barcellona in Champions è nata la Juve di Dybala

 

Innanzitutto applausi per mister Max Allegri fu Malinconia: il modulo tattico bianconero, vale a dire quel 4-2-3-1 utilizzato da qualche mese, beh ormai è una certezza che funziona tanto in Italia, quanto in Europa. Ergo applausi per il tecnico livornese, professionista indubbiamente oggi tra i migliori in circolazione e in attività. No?

La vittoria in scioltezza sul Barcellona (sta finendo un’epoca calcistica da quelle parti), prima perla autentica di questa Champions League 2016 – 2017 in chiave juventina, oltre a essere riconducibile agli innegabili meriti di coach Massimiliano porta comunque la firma del fantasista offensivo argentino Paulo Dybala, sublime ventitreenne in carriera (tra due anni potrebbe approdare in un top club inglese, tedesco o spagnolo, ndr) che è diventato una colonna portante di questa Juventus che mai come quest’anno, se tutto filerà liscio, parrebbe avere tutte le carte in regola per trionfare, magari in finale col Real Madrid, in Europa.

E il fatto che proprio dinanzi al connazionale Messi Dybala abbia messo il sigillo sul trionfo suoi e dei suoi compagni, in un certo senso è l’indizio ideale che, nel breve periodo, inevitabilmente comporterà il passaggio (col disegno indiziale tramutato in prova certificata) del testimone calciofilo appunto dalle mani dell’immenso Messi a quelle dell’allievo Paul. Che ne dite?
Stefano Mauri

 

 

 

Chi è Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Leggi anche

Marchisio? Mah. Schick vuole l’Inter, la Samp lo vuole alla Roma e la Francia…

      Strana davvero l’estate di Patrick Schick, il fortissimo (un vero e interessantissimo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi