Home / Casazza Report / “La sindone del Diavolo” di Giulio Leoni: la vita nuova di Dante Alighieri

“La sindone del Diavolo” di Giulio Leoni: la vita nuova di Dante Alighieri

Inizio questa recensione con un rammarico.

E’ vero che non si può leggere tutto ( un exploit alla portata del solo Stepane Mallarmé, a prezzo di una smisurata malinconia…) ma è grave  che non abbia letto prima nessuno dei romanzi della serie,  iniziata nel 2000 con “Dante Alighieri e i delitti della Medusa”, cui appartiene “La Sindone del Diavolo ” di Giulio Leoni.

Eppure la messa in campo del Sommo Poeta, il più grande della letteratura mondiale, come investigatore in storie storicamente plausibili,  avrebbe dovuto attirarmi.

Sono ricorso io stesso più volte  a questa formula ( personaggi storici implicati in vicende che sarebbero potute accadere), in particolare nei tre romanzi dedicati alla “sfida al vertice ” tra Auguste Dupin e “Phantomas”, laddove faccio rivivere, nel primo, “Le regole del gioco”, parecchi grandi campioni di scacchi del primo novecento, tra cui Frank Marshall; nel secondo,  “Il Fantasma all’opera”, nientemeno che Arturo Toscanini;  nel terzo, “Bergamo sottosopra”, il commediografo e librettista Giuseppe Giacosa.

Inoltre quanti mi conoscono sanno della mia venerazione, sconfinante nella fissazione, per Dante Alighieri. Conosco a memoria, e spesso declamo propinandoli agli amici,  brani della Commedia ( preferito: l’attacco dell’ultimo canto del Paradiso, la meravigliosa preghiera di San Bernardo alla Madonna) e non mi stanco di consigliare una caccia al tesoro sui generis, ovvero scorrere le sequenze dei versi danteschi, scritte in arcaico linguaggio trecentesco, alla ricerca di perle senza tempo, cioè endecasillabi che potrebbero essere stati scritti oggi. Qualche esempio? “La bocca mi baciò tutto tremante”, “Vergine madre, figlia del tuo figlio”,  “Ahi dura terra, perché non t’apristi?”.

Insomma, l’incontro col ciclo di Dante Alighieri detective di Giulio Leoni era inevitabile, e infatti, sia pure con colpevole ritardo, è avvenuto.

Credo di sapere che cosa mi ha trattenuto finora: il pericolo della delusione. Ciascuno ha il suo Dante immaginario,  ed io il mio. Onestamente, che il “Vate dei Vati” potesse farsi investigatore, non l’avevo mai concepito.

Leoni, che è scrittore di raffinata cultura e robustezza stilistica,  in un folgorante racconto ha impegnato in un’indagine poliziesca addirittura Leonardo da Vinci, e devo dire che nel ruolo il genio indiscusso del Rinascimento mi è parso da subito più famigliare. Non a caso, con la sua conoscenza del corpo e della fisiologia umana, fa a meno del medico legale…

La Sindone del Diavolo:

Ma Dante? Nella mia fantasia il letterato fiorentino è soprattutto filosofo e politico di grandi visioni, dunque non proprio adatto ( e sicuramente, biografia alla mano, sbaglio)  a sporcarsi le mani con casi criminali.

Ne la “Sindone del diavolo”, romanzo potente per accuratezza e corposità di ambientazione ( la Venezia trecentesca, ancor più ambigua, nella sua anomalia urbanistica e culturale, di quanto non sia oggi) Leoni affida a Dante, arditamente, un ruolo a metà strada tra l’agente segreto e l’indagatore dell’incubo.

Il nostro è inviato dalla corte imperiale di Arrigo VII, faro  politico dei suoi ideali di guelfo bianco,  in missione nella città costruita sull’acqua, ai tempi già potenza economica e commerciale,  con il compito, capitale per le sorti della lotta tra Papato e Impero, di trovare un rimedio medico, di provenienza magica e blasfema, in grado di guarire l’Imperatore malato e in fin di vita.

Ne deriva un’immersione angosciosa e allucinata, di forte fascino evocativo, in una Venezia labirintica e nebbiosa, piena di insidie ed orrori sconosciuti, in cui Dante , abituato alla terraferma, deve muoversi sfoggiando insospettabili  (?) doti di uomo d’azione, una sorta di 007 medioevale cui più che l’enorme cultura e la sensibilità artistica ( comunque sì sentono!) giovano la resistenza fisica, le capacità atletiche e l’abilità nell’uso delle armi e nel combattimento corpo a corpo.

Poiché di Dante si tratta, ad oggi il più grande cantore della passione amorosa, non manca un incontro erotico di delicata poesia e, in omaggio all'”alta fantasia” del personaggio , visioni (vere?) d’oltretomba che riecheggiano, e forse ispireranno, il cupo Inferno della Commedia.

Sappiamo che l’happy hand è assicurato poiché Dante è all’inizio della stesura del suo immortale poema, e non può dunque morire in azione, ma l’intrigo che lo avviluppa, in cui le sue incrollabili convinzioni religiose sembrano essere ribaltate da una realtà più vicina alle credenze islamiche, tiene col fiato sospeso sino all’ultimo, per chiudersi con una dolorosa ma purificatrice  apocalisse.

Rino Casazza

L’ULTIMO THRILLER DI RINO CASAZZA:

Sherlock Holmes, Padre Brown e il delitto dell’indemoniata (Gli apocrifi)

Bergamo, un anno imprecisato ai primi del novecento. Padre Brown e Flambeau si trovano nella cattolicissima città lombarda per un periodo di riposo e meditazione. Nel palazzo antistante al convento dove sono alloggiati avviene un terribile caso di omicidio/suicidio, al centro del quale c’è una giovane contessa che da qualche tempo mostrava inequivocabili segni di …

Additional images:

Product Thumbnail

Price: 2,99

Buy Now

TUTTI I THRILLER DI RINO CASAZZA:

 

 

 

Chi è Rino Casazza

Rino Casazza è nato a Sarzana, in provincia di La Spezia, nel 1958. Dopo la laurea in Giurisprudenza a Pisa, si é trasferito in Lombardia. Attualmente risiede a Bergamo e lavora a Milano. E’ da sempre un appassionato (come lettore, prima che come autore) della letteratura "di genere" in tutte le sue sfaccettature: giallo-noir, horror, fantascienza ecc. ecc. Altra sua grande passione sono il cinema, come testimonial la tesi di laurea sulla censura cinematografica, e il teatro, frequentato non solo come spettatore ma anche, in gioventù, come praticante dilettante. Il suo primo testo "letterario" è infatti la trasposizione teatrale della novella di Buzzati "Iago", di cui nel 1985 ha osato una regia. Ha pubblicato diversi thriller, tra cui "La logica del Burattinaio", scritto con Daniele Cambiaso ed edito da Algama, ispirato al serial killer bambino William Vizzardelli. Specializzato sui romanzi apocrifi sugli investigatori più noti di sempre, il suo ultimo giallo è "Sherlock Holmes, Padre Brown e l'ombra di Dracula"

Leggi anche

La legge di Maldonado – Parte prima

  1) Lettere e letterati “«Non cerco la verità. Fiuto la menzogna.» precisò Ángel Maldonado” (MIRCO …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi