Home / Brera Dixit / Fitch sonda i finanzieri sulla Brexit

Fitch sonda i finanzieri sulla Brexit

Un sondaggio mostra che il maggiore timore degli investitori in Europa è la geopolitica

Non mi càpita spesso di citare favorevolmente Fitch, che è una della tre agenzie che nella finanza internazionale fanno il bello e il cattivo tempo attribuendo i loro “rating” a chi ha del debito da collocare, imprese banche e Stati sovrani. Il sospetto è che molto, in questa attività, sia lasciato all’arbitrio di S. E., come ha scritto celebremente Alessandro Manzoni. Ma bisogna pur riconoscere che queste agenzie dispongono di ingenti mezzi e di apparati di analisi economica con i coglioni quadri, come ha scritto Pierpaolo Pasolini.

Per questo non è vano citare un sondaggio fatto appunto da Fitch presso i Padroni dell’Universo, cioè i finanzieri. Una piccola premessa: di una cosa possiamo essere grati alla Brexit: che distoglie la nostra attenzione da quello che sta combinando Donald Trump e dalle possibili conseguenze economiche. Ma noi siamo gente da niente, in verità cambia poco che noi siamo inquieti fino all’ansia o pieni zeppi di Prozac. Il vero punto è ciò a cui fanno o non fanno attenzione i finanzieri, e ce lo dice appunto Fitch.

[Spot pubblicitario. Il denaro è importante, ma non è la cosa più importante. Questo è un giallo che ho scritto sul denaro . Provate ad andare a vederlo e se vi piace, compratelo. Sarà come avermi offerto un caffè.]

Il sondaggio abbraccia i responsabili degli investimenti in reddito fisso sui mercati europei. La loro preoccupazione numero uno, a quanto risulta, è il rischio geopolitico. Il 77% di loro lo reputa la maggiore minaccia che gravi sulla loro attività. È il quarto sondaggio annuale consecutivo in cui questo rischio è giudicato il più alto. Dopo la geopolitica, il secondo spauracchio (secondo il 48% degli interpellati) è l’abbandono dell’espansione monetaria da parte delle banche centrali.

Quando gli intervistati scendono in maggiori dettagli, citano la Brexit, il calendario elettorale piuttosto fitto in Europa, l’ascesa dei partiti populisti ed euroscettici, e il protezionismo dell’amministrazione americana.

Con Trump le iniziative degli Stati Uniti diventano meno prevedibili, e di sicuro c’è da temere la drammatizzazione di tutto come strategia di comunicazione, che ha un forte potenziale destabilizzante. I Paesi che Trump ha messo sotto la sua lente di osservazione per asseriti squilibri commerciali o pratiche scorrette rischiano di vedere un deterioramento del loro merito di credito

[Nel gioco del Monopoli ci sono gli Imprevisti e le Opportunità. Pescatene una qui.]

C’è un maggiore ottimismo invece sulla Brexit, con il 47% che prevede entro i due anni un accordo accettabile fra Unione Europea e Regno Unito, con un periodo di transizione; il 29% predice un accordo, ma senza transizione, e solo il 18% pensa che non ci sarà nessun accordo, il Regno Unito si troverà fuori e basta.

Queste posizioni sembrano troppo ottimiste a Fitch (e anche a chi scrive). Giustamente Fitch mette in risalto che il negoziato si preannuncia complesso e che il risultato non dipenderà solo dagli obiettivi di Londra, ma anche da quelli dei negoziatori europei. L’eccessiva fiducia degli operatori, al primo manifestarsi di seri problemi nelle trattative, si potrebbe quindi rovesciare in una repentina fuga dal mercato. Con ogni probabilità, la volatilità dei mercati finanziari crescerà ancora nei prossimi anni.

Paolo Brera 

 

GLI ULTIMI LIBRI DI PAOLO BRERA:

 

Chi è Paolo Brera

Paolo Brera è nato nel secolo scorso, non nella seconda metà che sono buoni anche i ragazzini, ma nell’accidentata prima metà, quella con le guerre e Charlie Chaplin. Poi si è in qualche modo trascinato fino al terzo millennio.Lo sforzo non gli è stato fatale, ma quasi, e comunque potete sempre aspettare seduti sulla riva del fiume. Nella sua vita ha fatto molti mestieri, che a leggerne l’elenco ci si raccapezza poco perfino lui: assistente universitario di quattro discipline diverse (storia economica, diritto privato comparato, eocnomia politica e marketing), vice export manager di un’importante società petrolifera, consulente aziendale, giornalista, editore, affittacamere e scrittore. Ha pubblicato una settantina di articoli scientifici o culturali, tradotti in sei lingue europee, due saggi (Denaro ed Emergenza Fame, quest’ultimo pubblicato insieme a Famiglia Cristiana), due romanzi e una trentina di racconti di fantascienza, sei romanzi e una decina di racconti gialli, più un fritto misto di altri racconti difficili da definire.Negli ultimi anni si è scoperto la voglia di tradurre grandi autori, per il piacere di fare da tramite fra loro e il pubblico italiano. Questo ha voluto dire mettere le mani in molte lingue (tutte indoeuropee, peraltro). Il conto finora è arrivato a quindici. Non è che le parli tutte, ma oggi c’è il Web che per chi lo sa usare è anche un colossale dizionario pratico. L’essenziale è rendere attuali questi scrittori e i loro racconti, sfuggire all’aura di erudizione letteraria che infesta l’accademia italiana, e produrre qualcosa che sia divertente da leggere. Algama sta ripubblicando le sue opere in ebook, a partire dalla serie dei romanzi con protagonista il colonnello De Valera.

Leggi anche

E se la Gran Bretagna non uscisse più dall’UE?

Oltre Manica, alcuni cominciano a dire che l’Art. 50 potrebbe essere revocato e la Gran …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi