Home / Brera Dixit / Deutsche: banca sistemica, aumento sistemico

Deutsche: banca sistemica, aumento sistemico

Dalla riuscita dell’aumento di capitale di Deutsche Bank dipende la ripresa della fiducia nel sistema bancario europeo

Archiviata la storica ricapitalizzazione di UniCredit, la più grande mai verificatasi in Europa, adesso è il turno di Deutsche Bank: l’aumento di capitale è in corso e si chiuderà il 4 aprile. È meno grande di quello della consorella: la banca tedesca sta chiedendo al mercato 8 miliardi di euro, di cui 7,2 miliardi solo per coprire la megamulta irrogata dalle autorità americane per il ruolo di Deutsche nella vendita a tappeto di derivati tossici, basati sui mutui subprime. Dall’esecuzione più o meno completa di questo aumento dipende la normalizzazione del sistema bancario europeo. Deutsche infatti è giudicata oggi la principale fonte di pericolo per la finanza mondiale a causa della sua maxi-esposizione nei derivati a più alto rischio.

[E quando vi stufate di sentir parlare di finanza, perché non vi leggete un thriller sul denaro? Bisogna cercare, è vero, ma in giro c’è perfino di peggio rispetto a quello di Brera…]

Non è la prima volta che Deutsche domanda miliardi in giro. Nel 2010 ne aveva già ramazzati 10 , nel 2013 altri 3 e nel 2013, 8,5. Con gli ultimi, fanno 29,5 miliardi in sette anni. Il tutto dopo diversi esercizi in perdita, fra cui troneggia il 2016, quando la banca ha lasciato sul campo 14 miliardi di euro. Un gigante dai classici piedi d’argilla.

I piedi deboli del gigante non sono i crediti dubbi, ma le masse di derivati finanziari sui quali opera: il loro valore complessivo è 46.000 miliardi, circa 13 volte il pil tedesco. I derivati non sono tutti semplici da capire, perciò il loro valore nozionale spesso non è realistico, ma indipendentemente dal fatto che ai media piacciono molto le cifre roboanti, la massa di derivati di Deutsche potrebbe benissimo destabilizzare l’intera economia mondiale. Per questo Deutsche è impegnata da tempo in un gigantesco esercizio di stabilizzazione, con vendita di attività non-core, esuberi, chiusura di agenzie, e aumento di capitale per portare il capital ratio sopra il 13%.

Appunto perché rappresenta un rischio sistemico, Deutsche ha avuto dalle autorità un occhio di riguardo al momento degli stress test: nei conti le è stato permesso di contabilizzare un contratto fatto dopo l’anno di riferimento e il cui effetto economico doveva ancora manifestarsi al momento del test. Come dire che quod licet Jovi non licet bovi, dove i buoi sono prima di tutto le banche italiane come il Montepaschi o le due venete oggi alla canna del gas.
Auguriamoci che la ricapitalizzazione vada a buon fine, come quella di UniCredit. Anche Deutsche, del resto, ha messo insieme un consorzio di garanzia di pesi massimi, trenta banche fra cui Credit Suisse, Barclays, Goldman Sachs, Bnp Paribas , Commerzbank , Hsbc, Morgan Stanley e la stessa UniCredit. Il successo formale è garantito, quello sostanziale verrà solo se il consorzio rimarrà ai margini, sopraffatto da uno tsunami di investitori minori. Perché questo vorrebbe dire che il famoso mercato ricomincia a credere nelle banche. Sarebbe anche ora, no?

Paolo Brera

GLI ULTIMI LIBRI DI PAOLO BRERA:

Acquista su Amazon.it

Chi è Paolo Brera

Paolo Brera è nato nel secolo scorso, non nella seconda metà che sono buoni anche i ragazzini, ma nell’accidentata prima metà, quella con le guerre e Charlie Chaplin. Poi si è in qualche modo trascinato fino al terzo millennio.Lo sforzo non gli è stato fatale, ma quasi, e comunque potete sempre aspettare seduti sulla riva del fiume. Nella sua vita ha fatto molti mestieri, che a leggerne l’elenco ci si raccapezza poco perfino lui: assistente universitario di quattro discipline diverse (storia economica, diritto privato comparato, eocnomia politica e marketing), vice export manager di un’importante società petrolifera, consulente aziendale, giornalista, editore, affittacamere e scrittore. Ha pubblicato una settantina di articoli scientifici o culturali, tradotti in sei lingue europee, due saggi (Denaro ed Emergenza Fame, quest’ultimo pubblicato insieme a Famiglia Cristiana), due romanzi e una trentina di racconti di fantascienza, sei romanzi e una decina di racconti gialli, più un fritto misto di altri racconti difficili da definire.Negli ultimi anni si è scoperto la voglia di tradurre grandi autori, per il piacere di fare da tramite fra loro e il pubblico italiano. Questo ha voluto dire mettere le mani in molte lingue (tutte indoeuropee, peraltro). Il conto finora è arrivato a quindici. Non è che le parli tutte, ma oggi c’è il Web che per chi lo sa usare è anche un colossale dizionario pratico. L’essenziale è rendere attuali questi scrittori e i loro racconti, sfuggire all’aura di erudizione letteraria che infesta l’accademia italiana, e produrre qualcosa che sia divertente da leggere. Algama sta ripubblicando le sue opere in ebook, a partire dalla serie dei romanzi con protagonista il colonnello De Valera.

Leggi anche

Banche, perché oggi lo Stato deve sostenerle

Ancora non si sia se la vicenda di Montepaschi (e delle altre banche in difficoltà) …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com