Home / Culture / Casazza Report / “L’illusionista” di Edoardo Montolli: nel labirinto senza filo di Arianna

“L’illusionista” di Edoardo Montolli: nel labirinto senza filo di Arianna

“L’illusionista” ultimo romanzo della “triologia di Rho” di Edoardo Montolli, rappresenta, stilisticamente e narrativamente, il culmine della serie.

I primi due romanzi, anch’essi notevoli, “Il boia” e “La ferocia del coniglio”, di recente riproposti in digitale da Algama, utilizzano la stessa formula, ovvero il mystery/ thriller costruito intorno a scabrosi temi d’attualità, oggetto a latere di incisive inchieste giornalistiche da parte dello stesso Montolli.

Ne “Il Boia” sono le sette sataniche, ne “La ferocia del coniglio” gli “snuff movies”, ovvero i film porno a base di violenza vera.

Nell’illusionista la storia si immerge nel mondo della vivisezione e del suo sorprendente, poco conosciuto, contrario: le azioni fuorilegge degli animalisti contro i vivisezionisti.

Come negli altri capitoli della triologia, Montolli ricorre a un misto di narrazione in prima e in terza persona, creando un mosaico di angolazioni narrative che alimenta la tensione.

L’effetto sul lettore è quello di un continuo “spiazzamento”, con una trama che si evolve attraverso aggiustamenti e sempre nuove complicazioni che si ricompongono ad unità solo nello scioglimento finale.

Ne “L’illusionista” questa formula narrativa che potremmo definire “caleidoscopica” viene elevata all’ennesima potenza con una trovata apertamente metaletteraria: leit-motiv della vicenda è, infatti, il dubbio che il vertiginoso, contraddittorio susseguirsi di eventi nasconda la “tecnica del labirinto”, ovvero un complotto diabolico ordito per incastrare il protagonista mettendolo in una situazione in cui, da qualunque parte si rigiri, non riuscirà ad evitare d’essere incriminato per delitti che non ha commesso.

Non c’è dubbio che in questo labirinto senza uscite si trovi impaniato non solo il personaggio, ma anche il lettore, indotto a voltare le pagine per cercare di raccapezzarsi in quello che sta succedendo.

In questo caos angoscioso che, colpo di scena dopo colpo di scena, precipita verso la fine, si incastonano le gemme di personaggi veramente indimenticabili, caratterizzati con una cura e una profondità raramente riscontrabile nel genere thriller.

Ne citiamo alcuni.

Il Commissario Boe, l’ “antipoliziotto” per eccellenza, ovvero uno sbirro di razza che, deviato dalla “corruzione ambientale”, usa ormai senza alcun rimorso la sua abilità per il proprio tornaconto.

Il Giudice in pensione Spadafora, che racchiude in sé tutta la nobiltà e insieme tutta la pericolosa paranoia del mestiere di magistrato.

Cesarino Soprani, un anziano capo gang che, con un salto mortale da genio, è riuscito a fare della redenzione sociale degli ex carcerati una perfetta organizzazione per delinquere.

Rino Casazza

L’ULTIMO THRILLER DI RINO CASAZZA:

Sherlock Holmes, Padre Brown e il delitto dell’indemoniata

Bergamo, un anno imprecisato ai primi del novecento. Padre Brown e Flambeau si trovano nella cattolicissima città lombarda per un periodo di riposo e meditazione. Nel palazzo antistante al convento dove sono alloggiati avviene un terribile caso di omicidio/suicidio, al centro del quale c’è una giovane contessa che da qualche tempo mostrava inequivocabili segni di …

Additional images:

Product Thumbnail

Price: 2,99

Buy Now

TUTTI I THRILLER DI RINO CASAZZA:

Sherlock Holmes, Padre Brown e il delitto dell’indemoniata

Sherlock Holmes, Dupin e il match del secolo

Gli enigmi di Don Patrizio

La logica del Burattinaio, nella mente del serial killer

Bergamo sottosopra. Un’avventura di Auguste Dupin e Giuseppe Giacosa

Il Fantasma all’Opera. Un’indagine in cinque atti con Auguste Dupin.

Le regole del gioco. Un’avventura di Auguste Dupin.

Bart

Tutto in venti ore

 

L’ILLUSIONISTA DI EDOARDO MONTOLLI:

Acquista su Amazon.it

Chi è Rino Casazza

Rino Casazza è nato a Sarzana, in provincia di La Spezia, nel 1958. Dopo la laurea in Giurisprudenza a Pisa, si é trasferito in Lombardia. Attualmente risiede a Bergamo e lavora a Milano. E’ da sempre un appassionato (come lettore, prima che come autore) della letteratura "di genere" in tutte le sue sfaccettature: giallo-noir, horror, fantascienza ecc. ecc. Altra sua grande passione sono il cinema, come testimonial la tesi di laurea sulla censura cinematografica, e il teatro, frequentato non solo come spettatore ma anche, in gioventù, come praticante dilettante. Il suo primo testo "letterario" è infatti la trasposizione teatrale della novella di Buzzati "Iago", di cui nel 1985 ha osato una regia. Oltre a numerosi romanzi brevi (tra cui quelli che hanno come protagonista il prete detective Don Patrizio Bruni) e racconti su pubblicazioni, riviste e collane varie, ha pubblicato cinque romanzi, tra cui, lo scorso giugno, il giallo Bergamo sottosopra, 0111 Edizioni. E a luglio il thriller, scritto con Daniele Cambiaso "La logica del Burattinaio", edito da Algama e ispirato al serial killer bambino William Vizzardelli

Leggi anche

Fisher contro Spassky: la madre di tutte le sfide scacchistiche

Correva l’anno 1972. Per chi era studente come me, le lunghe vacanze estive (allora le …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com