Home / Lifestyle / Ecco The Brando: il resort ecologico sorto a Tetiaroa, l’isola di Marlon Brando

Ecco The Brando: il resort ecologico sorto a Tetiaroa, l’isola di Marlon Brando

Acquistata nel 1967 dal grande attore, è oggi diventata un luogo per turisti. Il costo? Tremila euro al giorno per affittare una villa super lusso per due persone

Dove andare in vacanza la prossima estate? Per “comodi” 3.000 euro al giorno da oggi potete affittare una villa per due persone a The Brando, il resort ecologico di Tetiaroa aperto finalmente anche ai turisti – FOTO

Guarda le spettacolari immagini di The Brando – FOTOGALLERY

IL CASO – Marlon Brando comprò l’atollo nella Polinesia francese, a 30 miglia a nord di Tahiti, nel 1967, per farne il proprio paradiso personale. Viveva in un bungalow. Ma i tempi sono cambiati.

La carriera di Marlon Brando in un minuto – VIDEO

 

LA STRUTTURA – Ora la struttura gode di 35 ville, ognuna dotata di spiaggia privata e piscina. Camere immense, ristorante con menù di Guy Martin, accesso solo attraverso la linea aerea privata del resort. Ogni villa è isolata, ma lo staff organizza varie attività, dalle escursioni in barca alle lezioni di danza polinesiana. Il dettaglio più curioso? I ricercatori sono riusciti a sterilizzare le zanzare che sull’isola sono così state debellate.

Edoardo Montolli per Oggi.it

L’ultimo thriller di Edoardo Montolli:

La ferocia del coniglio

Milano, epoca attuale. Il commissario De Nigris sta indagando sulla scomparsa di un bambino e di una donna. Alfredo Carruba è svanito mentre si stava recando a scuola; Stefania, ex moglie di De Nigris, non dà più notizie di sé da diversi giorni. In cerca di aiuto, il commissario si rivolge al detective Montero, profondo …

Additional images:

Product Thumbnail

Price: 4,99

Buy Now

The Brando sui media internazionali:

The Brando, il video sul resort:

 

 

Chi è Edoardo Montolli

Edoardo Montolli, giornalista, è autore di diversi libri inchiesta molto discussi. Due li ha dedicati alla strage di Erba: Il grande abbaglio e L’enigma di Erba. Ne Il caso Genchi (Aliberti, 2009), tuttora spesso al centro delle cronache, ha raccontato diversi retroscena su casi politici e giudiziari degli ultimi vent'anni. Dal 1991 ha lavorato con decine di testate giornalistiche. Alla fine degli anni ’90 si occupa di realtà borderline per il mensile Maxim, di cui diviene inviato fino a quando Andrea Monti lo chiama come consulente per la cronaca nera a News Settimanale. Dalla fine del 2006 alla primavera 2012 dirige la collana di libri inchiesta Yahoopolis dell’editore Aliberti, portandolo alla ribalta nazionale con diversi titoli che scalano le classifiche, da I misteri dell’agenda rossa, di Francesco Viviano e Alessandra Ziniti a Michael Jackson- troppo per una vita sola di Paolo Giovanazzi, o che vincono prestigiosi premi, come il Rosario Livatino per O mia bella madu’ndrina di Felice Manti e Antonino Monteleone. Ha pubblicato tre thriller, considerati tra i più neri dalla critica; Il Boia (Hobby & Work 2005/ Giallo Mondadori 2008), La ferocia del coniglio (Hobby & Work, 2007) e L’illusionista (Aliberti, 2010). Dirige la casa editrice Algama (www.algama.it).

Leggi anche

Delitto Luca Varani, la lettera del padre di Marco Prato

Ledo Prato, segretario generale dell’associazione Mecenate90 e padre di Marco Prato, scrive una lettera pubblica sul suo sito, invitando tutti a non emettere giudizi sommari

Booking.com