Home / Italia / Antonio Ingroia indagato: la Procura lo accusa di aver gonfiato la nota spese

Antonio Ingroia indagato: la Procura lo accusa di aver gonfiato la nota spese

Antonio Ingroia è indagato per peculato. Secondo le accuse l’ex pm di Palermo avrebbe percepito rimborsi indebiti per trasferte in qualità di amministratore della società regionale Sicilia e servizi.

Antonio Ingroia, primo giorno ad Aosta e va subito in ferie: lo sfottò di Fiorello – VIDEO

IL CASO – Le constestazioni coprono gli anni che vanno dal 2014 al 2016 e riguardano anche l’indennità che il magistrato si è liquidato. Quanto alle cifre, si parla di 30mila euro per i rimborsi in cui Ingroia avrebbe percepito anche le spese di vitto e alloggio che, invece, non sarebbero dovuti. Dettaglio che però Ingroia contesta. Senza contare gli altri soldi che l’ex magistrato si sarebbe intascato…

La crisi c’è per tutti, ma non per i magistrati: si sono aumentati lo stipendio… – LEGGI

LIQUIDAZIONE – Per la liquidazione le cifre lievitano: si parla dell’indennità di risultato, che dal 2008 prevede una liquidazione di somme solo in presenza di utili. A fronte di un utile di 33mila euro, Ingroia se ne sarebbe autoliquidati 117mila. In una nota, l’ex pm si difende: “In merito all’indagine della procura di Palermo sui miei compensi come amministratore di Sicilia e servizi, preciso che si tratta di una vicenda vecchia, che avevo già ampiamente chiarito a suo tempo in sede giornalistica, dal momento che a sollevare il caso fu un articolo del settimanale L’Espresso del febbraio 2015 in cui erano riportate cifre inesatte e notizie incomplete. Questa indagine mi consente comunque di sgomberare una volta e per tutte, anche in sede giudiziaria, il campo da ogni equivoco, sospetto e maldicenza su una storia totalmente infondata”.

Antonio Ingroia, primo giorno ad Aosta: si è messo in ferie fino al 20 giugno – VIDEO

STUPORE – E aggiunge: “Oggi sono stato convocato in procura a Palermo per dare spiegazioni e ho fatto presente ai magistrati il mio stupore perchè la contestazione nei miei confronti si basa su una legge del 2006 abrogata nel 2008 dalla legge n. 133 (Art. 61, Comma 12). Per quanto riguarda in particolare il cosiddetto premio di indennità da risultato, si tratta di un riconoscimento previsto dalla legge in caso di raggiungimento di determinati obiettivi e serve a integrare una indennità certamente non commisurata alle grandi responsabilità in capo all’amministratore di una società come Sicilia e-Servizi, che gestisce svariate decine di milioni di euro ogni anno. Va puntualizzato che il diritto all’indennità non me la sono certamente attribuita io ma mi è stata riconosciuta dall’assemblea dei soci e segnatamente dalla Regione Sicilia. Per quanto riguarda invece il capitolo relativo alle spese di viaggio da me sostenute, ricordo solo che all’atto della mia nomina come amministratore unico di Sicilia e-Servizi ero già residente a Roma da tempo e che la legge prevede, in caso di nomina di professionisti residenti fuori sede, il rimborso delle spese di viaggio, ossia trasporto, vitto e alloggio, così confermato da più pronunce della Corte dei conti”.

Edoardo Montolli per Oggi.it

Chi è Edoardo Montolli

Edoardo Montolli, giornalista, è autore di diversi libri inchiesta molto discussi. Due li ha dedicati alla strage di Erba: Il grande abbaglio e L’enigma di Erba. Ne Il caso Genchi (Aliberti, 2009), tuttora spesso al centro delle cronache, ha raccontato diversi retroscena su casi politici e giudiziari degli ultimi vent'anni. Dal 1991 ha lavorato con decine di testate giornalistiche. Alla fine degli anni ’90 si occupa di realtà borderline per il mensile Maxim, di cui diviene inviato fino a quando Andrea Monti lo chiama come consulente per la cronaca nera a News Settimanale. Dalla fine del 2006 alla primavera 2012 dirige la collana di libri inchiesta Yahoopolis dell’editore Aliberti, portandolo alla ribalta nazionale con diversi titoli che scalano le classifiche, da I misteri dell’agenda rossa, di Francesco Viviano e Alessandra Ziniti a Michael Jackson- troppo per una vita sola di Paolo Giovanazzi, o che vincono prestigiosi premi, come il Rosario Livatino per O mia bella madu’ndrina di Felice Manti e Antonino Monteleone. Ha pubblicato tre thriller, considerati tra i più neri dalla critica; Il Boia (Hobby & Work 2005/ Giallo Mondadori 2008), La ferocia del coniglio (Hobby & Work, 2007) e L’illusionista (Aliberti, 2010). Dirige la casa editrice Algama (www.algama.it).

Leggi anche

Strage di Erba, il primo interrogatorio del 10 gennaio 2007 di Olindo

Continua lo speciale sulla strage di Erba di Fronte del Blog, con il primo interrogatorio del 10 gennaio 2007, nel quale nega ancora ogni addebito. Confesserà in quello successivo, dopo che lo avrà fatto la moglie Rosa.

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi