Home / Brera Dixit / Al via il calvario della Brexit

Al via il calvario della Brexit

Con la richiesta di applicare l’Articolo 50, si apriranno i negoziati per l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea. Che cosa dobbiamo aspettarci? Di sicuro, molta ansia

 

Stiamo ormai contando i giorni: presto Theresa May, che riesca o meno a scompigliare l’opposizione della Camera dei Lord, premerà il grilletto della Brexit, e la pallottola si precipiterà verso il cuore dell’Ue. Ma quale cammino porterà all’effettiva disunione del Regno Unito dall’Unione Europea?

Un calvario. Secondo la tabella prevista dall’Articolo 50 del Trattato di Lisbona, la Gran Bretagna sarà fuori dalla metà del 2019, che si sia o meno raggiunto un accordo fra le parti sulle modalità concrete del divorzio. Il Trattato prevede che i negoziati possano continuare anche oltre la scadenza, ma ci vuole l’assenso unanime di tutti gli Stati coinvolti e non sarà facile ottenerlo se le divergenze saranno state aspre.

I negoziati si apriranno in una situazione di disparità nel potere contrattuale. C’è una deadline, e se alla scadenza non ci sarà stato un accordo, sarà il caos o poco meno; e da questo caos la Gran Bretagna sarebbe colpita più dell’Unione Europea. Le trattative dovranno anche spianare la via ai futuri rapporti fra i due Paesi: niente di più, cioè niente accordi precisi, ma sì la prefigurazione di un avvenire di scambi commerciali che conviene a entrambi siano il più liberi possibile – con l’accento, peraltro, che batte sulla parola “possibile”. Una parte dei negoziatori dovrà quindi essere pronta a discutere di commercio.

Il problema di Londra è quello di non avere personale capace di gestire negoziati commerciali: i britannici che nei decenni scorsi hanno accumulato dell’esperienza in questo campo l’hanno fatto lavorando per la Ue, che da decenni ha l’incarico di negoziare per l’intera Unione. Non si ha ancora notizia che la May, e il suo scatico triumvirato di brexittieri cui sono affidati i rapporti con l’estero, abbiano cercato di strappare al loro datore di lavoro questi preziosi negoziatori a suon di superstipendi. Al contrario, la ricerca di personale ha finora avuto luogo con offerte – in termini di remunerazione – piuttosto basse, per non dire risibili.

Dal punto di vista dell’Unione Europea, i possibili problemi risedono nell’eventualità di serie divergenze tra i Paesi membri. Finora, però, i Ventisette hanno mantenuto una notevole unità nei confronti di Londra, aiutati in questo da un’opinione pubblica in cui il vento antieuropeo si è molto abbassato.

I negoziati dovranno dare sistemazione a tutte le pendenze fra le due parti (come ho detto, non ai rapporti futuri, che potranno essere l’oggetto di un successivo accordo commerciale e altri trattati. La distinzione è importante). Se non si troverà un’intesa, o se la bozza di accordo sarà respinta dai parlamenti di Strasburgo e Westminster, l’uscita avverrà lo stesso e le conseguenze saranno caotiche. È la cosiddetta “Brexit dura” e non si può escludere che si avveri; al momento sembra, anzi, una delle conclusioni più probabili.

[Quando le regole giuridiche non corrispondono ai tempi, i guai sono assicurati]

Concretamente, i negoziati dovranno esaminare una serie di leggi e regole europee e in ciascuna di esse regolare la posizione della Gran Bretagna. Il numero di queste tali norme è molto alto, sono 20.833. Per affrontarle sono a disposizione circa 500 giorni lavorativi. Ogni giorno sarà dunque necessario completare la revisione di una quarantina di norme. Per valutare il significato di questo, basta ricordare che all’Ue, in genere, approvare una singola legge richiede qualche mese.

Bisogna poi tener conto che i due anni accordati dal Trattato non sono realmente tutti a disposizione, perché ci sono diversi tempi tecnici di cui bisogna tenere il dovuto conto. All’attivazione dell’Art. 50 i Ventisette dovranno riunirsi per definire le linee direttrici della trattativa. A partire da queste la Commissione elaborerà una sua posizione, che dovrà essere approvata dal Consiglio europeo. Ciò vuol dire che i primi negoziati avverranno all’inizio di giugno.

Di quel momento in poi ci saranno diciassette mesi per le trattative. Per la fine di ottobre del 2018 ci dovrà essere una bozza definitiva di accordo, che andrà ai governi dei Paesi membri per valutare l’intesa finale. I governi dovranno dire di sì entro dicembre, in modo da dare il via al dibattito nel Parlamento di Strasburgo e in quello di Westminster per la fine del gennaio successivo. Ciò dovrebbe consentire al Parlamento europeo di votare entro la fine di marzo del 2018. Il Parlamento britannico dovrebbe rispettare la medesima scadenza.

In ciascuno di questi passaggi il disaccordo potrebbe ritardare il processo e rendere inevitabile o una Brexit dura (cioè il caos) oppure un supplemento di negoziati. Questa seconda eventualità però è improbabile, perché ciascuno dei Ventisette ha un diritto di veto e alcuni potrebbero avere i loro signori motivi per negare l’unanimità. Londra potrebbe esser costretta a comprare l’assenso di alcuni Stati a caro prezzo.

Il clima dei negoziati rappresenta un problema a sé. All’inizio delle trattative l’Ue intende presentare alla Gran Bretagna il conto residuo dei progetti cui questa partecipa e che non sono ancora finanziati per intero, oltre a una richiesta di pagare la sua parte degli impegni verso dipendenti Ue e pensionati di nazionalità britannica.  In Gran Bretagna, il pensiero di dover mantenere la parola data scucendo dei soldi ha alzato un’ondata di indignazione. Ma ai contribuenti europei non piace l’idea di dover pagare la pensione a Nigel Farage e alla pattuglia dei deputati europei dell’Ukip.  Se Theresa May si opponesse ad un accordo al riguardo, ogni passo successivo diverrebbe più difficile.

Paolo Brera

I racconti più avventurosi dei più Grandi Autori di sempre tradotti da Paolo Brera:

Senza vampiri (I racconti di Brera)

Cinque racconti, cinque grandi anzi grandissimi autori: la premio Nobel spagnola Emilia Pardo Bazán, il cèco Jan Neruda, l’uruguagio Quiroga, i due giallisti anglofoni Edgar Wallace e Reeve. La parola “vampiro” compare invariabilmente nel titolo. Ma nell’intreccio, di autentici vampiri non c’è traccia.E allora perché metterli nel titolo della raccolta, curata e tradotta come al …

Additional images:

Product Thumbnail

Price: 4,99

Buy Now

 

 

 

Chi è Paolo Brera

Paolo Brera è nato nel secolo scorso, non nella seconda metà che sono buoni anche i ragazzini, ma nell’accidentata prima metà, quella con le guerre e Charlie Chaplin. Poi si è in qualche modo trascinato fino al terzo millennio.Lo sforzo non gli è stato fatale, ma quasi, e comunque potete sempre aspettare seduti sulla riva del fiume. Nella sua vita ha fatto molti mestieri, che a leggerne l’elenco ci si raccapezza poco perfino lui: assistente universitario di quattro discipline diverse (storia economica, diritto privato comparato, eocnomia politica e marketing), vice export manager di un’importante società petrolifera, consulente aziendale, giornalista, editore, affittacamere e scrittore. Ha pubblicato una settantina di articoli scientifici o culturali, tradotti in sei lingue europee, due saggi (Denaro ed Emergenza Fame, quest’ultimo pubblicato insieme a Famiglia Cristiana), due romanzi e una trentina di racconti di fantascienza, sei romanzi e una decina di racconti gialli, più un fritto misto di altri racconti difficili da definire.Negli ultimi anni si è scoperto la voglia di tradurre grandi autori, per il piacere di fare da tramite fra loro e il pubblico italiano. Questo ha voluto dire mettere le mani in molte lingue (tutte indoeuropee, peraltro). Il conto finora è arrivato a quindici. Non è che le parli tutte, ma oggi c’è il Web che per chi lo sa usare è anche un colossale dizionario pratico. L’essenziale è rendere attuali questi scrittori e i loro racconti, sfuggire all’aura di erudizione letteraria che infesta l’accademia italiana, e produrre qualcosa che sia divertente da leggere. Algama sta ripubblicando le sue opere in ebook, a partire dalla serie dei romanzi con protagonista il colonnello De Valera.

Leggi anche

E se la Gran Bretagna non uscisse più dall’UE?

Oltre Manica, alcuni cominciano a dire che l’Art. 50 potrebbe essere revocato e la Gran …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi