Home / Brera Dixit / Tramonta nelle Borse l’asse Londra-Francoforte

Tramonta nelle Borse l’asse Londra-Francoforte

Non ci voleva molto a predire che la fusione “fra eguali” tra Deutsche Börse e la Lse (la Borsa di Londra) sarebbe andata a picco a causa della Brexit. La superiperpiazza finanziaria di Londra è sulla buona strada per un serio ridimensionamento, i governi dei Paesi membri dell’Ue cercano di accaparrarsi le sedi centrali delle società finanziarie che lasceranno la Gran Bretagna: come poteva non succedere niente del tipo bastone fra le ruote?

Ufficialmente la Brexit non c’entra. L’autorità di regolazione europea della concorrenza ha chiesto a Lse di vendere il 60% che aveva in Mts, un mercato specializzato nel debito pubblico italiano. Non meglio precisate autorità italiane hanno posto vincoli tali da mandare a monte la vendita, almeno entro i termini temporali imperativi previsti da Bruxelles. No vendita? no fusione.

[Questioni di denaro? Ci sono anche quelle. Ma se ne può parlare…]

La preoccupazione del nostro governo per la sorte dello specialista delle operazioni in debito sovrano bianco rosso e verde è comprensibile. L’effetto non era, probabilmente, anticipato. Né voluto.

Almeno dagli italiani. Qualche riserva sulla fusione a cavallo della Manica, ora che il braccio di  mare è prossimo a diventare la frontiera equorea fra l’Unione Europea e il Regno Unito, si era in effetti sentita. I fautori più accesi del libero mercato obiettano che non c’è nessuna controindicazione a una gestione anglo-tedesca di tanta parte degli affari borsistici del Continente, e che le dimensioni sono necessarie per fronteggiare l’agguerrita concorrenza dei colossi americani e di Hongkong. L’euroscettico deputato conservatore Bill Cash (nomen omen), che un paio di settimane fa ha presieduto un dibattito sul tema della fusione, ha dichiarato all’agenzia Reuters: «Era inconcepibile che dopo la Brexit, cioè avendo lasciato l’Unione Europea, la nostra Borsa dovesse essere in effetti gestita a partire dalla Germania».

Un’argomentazione pericolosa per gli inglesi, perché si può applicare anche alla questione del clearing sui pagamenti in euro, che non potrà certo rimanere a Londra dopo l’uscita della Gran Bretagna dall’Ue. Ma un’affermazione che è difficile contestare.

Che succederà adesso? Deutsche Börse ha già annunciato che farà ricorso contro la richiesta dei regolatori italiani per Mts; ma non è detto che la vinca, e allora la fusione sarà rimandata alle calende danesi. Ma il London Stock Exchange è un frutto maturo, e se i tedeschi non possono, altri si faranno avanti – per esempio un concorrente americano come l’Ice o il Nasdaqqone, oppure i cinesi di Hongkong. Con un vantaggio aggiuntivo: la sterlina bassa, che rende meno cara l’operazione.

Paolo Brera

I noir di Paolo Brera:

Il veleno degli altri

Tea è giovane, intelligente e molto qualificata. Lavora in nero per una donna di successo, che la sfrutta spietatamente per pochi soldi. Ce n’è abbastanza perché Tea provi rancore. Ma quando a questo si aggiunge un feroce colpo alla sua vita sentimentale, con la ricca manager che le toglie il ragazzo di cui è innamorata, …

Additional images:

Product Thumbnail

Price: 2,99

Buy Now

Chi è Paolo Brera

Paolo Brera è nato nel secolo scorso, non nella seconda metà che sono buoni anche i ragazzini, ma nell’accidentata prima metà, quella con le guerre e Charlie Chaplin. Poi si è in qualche modo trascinato fino al terzo millennio.Lo sforzo non gli è stato fatale, ma quasi, e comunque potete sempre aspettare seduti sulla riva del fiume. Nella sua vita ha fatto molti mestieri, che a leggerne l’elenco ci si raccapezza poco perfino lui: assistente universitario di quattro discipline diverse (storia economica, diritto privato comparato, eocnomia politica e marketing), vice export manager di un’importante società petrolifera, consulente aziendale, giornalista, editore, affittacamere e scrittore. Ha pubblicato una settantina di articoli scientifici o culturali, tradotti in sei lingue europee, due saggi (Denaro ed Emergenza Fame, quest’ultimo pubblicato insieme a Famiglia Cristiana), due romanzi e una trentina di racconti di fantascienza, sei romanzi e una decina di racconti gialli, più un fritto misto di altri racconti difficili da definire.Negli ultimi anni si è scoperto la voglia di tradurre grandi autori, per il piacere di fare da tramite fra loro e il pubblico italiano. Questo ha voluto dire mettere le mani in molte lingue (tutte indoeuropee, peraltro). Il conto finora è arrivato a quindici. Non è che le parli tutte, ma oggi c’è il Web che per chi lo sa usare è anche un colossale dizionario pratico. L’essenziale è rendere attuali questi scrittori e i loro racconti, sfuggire all’aura di erudizione letteraria che infesta l’accademia italiana, e produrre qualcosa che sia divertente da leggere. Algama sta ripubblicando le sue opere in ebook, a partire dalla serie dei romanzi con protagonista il colonnello De Valera.

Leggi anche

E se la Gran Bretagna non uscisse più dall’UE?

Oltre Manica, alcuni cominciano a dire che l’Art. 50 potrebbe essere revocato e la Gran …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi