Home / società / Pier Francesco Pingitore: “La nuova casta? Il nostro pubblico la odia”

Pier Francesco Pingitore: “La nuova casta? Il nostro pubblico la odia”

PIER FRANCESCO PINGITORE A «OGGI»: «C’È UNA NUOVA CASTA DA METTERE IN SATIRA. MA LA DISAFFEZIONE DEI CITTADINI, E QUINDI DEL NOSTRO PUBBLICO, PER LA POLITICA È DIVENTATA ODIO PURO»

«C’è tutta una nuova casta da mettere in satira. Anche se l’atmosfera generale è molto più plumbea e i politici non hanno l’autoironia di un tempo». Pier Francesco Pingitore riporta il suo Bagaglino in tv per due serate speciali (una puntata celebrativa a Matrix Chiambretti e il varietà «Magnàmose tutto») e in un’intervista a OGGI, racconta com’è diventato più difficile far satira sulla politica. «La disaffezione dei cittadini, e quindi del nostro pubblico, nei confronti dei loro rappresentanti è diventata odio puro».

Tra i nuovi bersagli possono esserci i 5 Stelle: «Penso agli sms e ai whatsapp dei 5stelle. A questi personaggi che nei talk show sono tutti seriosi e poi, tra loro, usano più parolacce che parole».

Pingitore svela a OGGI anche come ha scoperto le sue due primedonne: Valeria Marini e Pamela Prati. La cui rivalità ha fatto penare parecchio l’inventore del Bagaglino. «Alla festa di compleanno di Leo Gullotta si scatenò un inferno di graffi, di insulti, di tirate di capelli. Io, che avevo captato l’atmosfera, me la squagliai prima che tutto degenerasse», racconta Pingitore.

Chi è Fronte del Blog

Le news della Terza Repubblica

Leggi anche

FACE YOUR PHANTOMS: le metamorfosi di Andrea G. Pinketts

Le opere di Alexia Solazzo e gli incipit dei racconti di Andrea G. Pinketts avranno un futuro letterario in un libro d’arte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi