Home / Culture / I Ragni Zingari

I Ragni Zingari

 

Dopo la vittoria al Premio John Polidori per la Letteratura Horror e a quattro anni di distanza dalla sua uscita con la storica casa editrice (non più attiva) le Edizioni Nero Press ha ripubblicato in versione ebook e in edizione rinnovata il romanzo di Nicola Lombardi I Ragni Zingari.

9 settembre. I Ragni Zingari esistono ben prima della storica data in cui il generale Badoglio rese noto l’armistizio firmato tra il governo italiano e gli Alleati. Una data che incrina le già scarse certezze di una guerra insensata e trasforma in invasori, così di punto in bianco, i vecchi alleati tedeschi. Perché i Ragni sono impressi nella memoria del suo protagonista, Michele, con il loro zampettare dentro e fuori lo specchio, oppure sulle pareti, mimetizzati dai contorni delle ombre. Altro non rappresentano se non il gotico turbamento dell’infanzia, il fantastico che popola le storie leggendarie, e narrate dal nonno Adelmo all’imbrunire, davanti al camino, trasformate, parola dopo parola, in una cappa di paura che soverchia il cuore di un bimbo.

9 settembre. La notizia dell’armistizio travolge ogni cosa. Le forze armate sono allo sbando, i soldati, etichettati dai tedeschi come traditori, si ritrovano nel caos a fare scelte individuali e rischiose. Si apre il capitolo più drammatico della storia italiana del secolo scorso, sempre oggetto di grandi confronti ideologici ma raramente catturato dalle grinfie di un romanziere. Michele, di stanza in Albania, coglie al balzo un’occasione offerta dal destino e decide di fare ritorno a casa. Una pistola nello zaino, tre colpi nel caricatore e una ferita alla testa. Certo che il suo sarà un viaggio difficile. Ma quello che non sa, è che una sorpresa è pronta, sulla porta di casa, a dargli il bentornato in famiglia. Il fratello Marco è scomparso senza lasciare traccia alcuna e una torbida quanto antica verità tornerà immediatamente a galla, crudele e dolorosa al pari dell’esperienza in guerra di Michele che si mette subito a caccia della verità.

Questi gli elementi narrativi con cui Nicola Lombardi riesce a modellare l’intera vicenda, coniugando al tempo stesso e con grande efficacia la recente tragedia di un popolo e quella più intima e privata di una famiglia qualunque. Nasce così un romanzo in grado di dare risalto alla guerra rappresentata come dannazione sociale, avvolta dalle brume di un’epoca, quella di un paesino di campagna dove esistono ancora gli odori di casa, magari stagnanti ma vitali, insieme alle teste d’aglio appese alle pareti, ai piatti sbrecciati e alle macchie di vino sul tavolo. Ma con I Ragni Zingari, il suo autore è capace anche di scavare nel profondo dei personaggi, tutti in equilibrio tra il possibile e l’impossibile, in parte ribelli, in parte soggiogati da una mentalità dove l’insoluto si fa strada attraverso anche l’omertà che copre un grave delitto passionale.

Nonostante i tanti elementi narrativi che all’apparenza fanno muovere questo romanzo nelle atmosfere da giallo stilato con la forza di immagini in bianco e nero da cinematografia anni ‘50, I Ragni Zingari riescono a far emergere l’orrore collettivo e individuale che si cela nel chiaroscuro delle tenebre.

Il gioco della frase palindroma che ci ha abituati fin da bambini alla conoscenza grammaticale, resta soprattutto il titolo di un romanzo che si impone con la sua scrittura rapida, snella e coinvolgente.  Non scade nelle tinte fosche, non occhieggia all’impatto morboso, e il suo grande pregio resta quello di non subire il fascino dell’essere ingabbiato in un genere.

Angelo Marenzana

L’ULTIMO NOIR DI ANGELO MARENZANA:

La scelta del caporale

Genova, 1974. La città è stretta tra malavita, avvisaglie di terrorismo, servizi deviati e il fallimento di un istituto bancario consumato sulla pelle dei risparmiatori. Il Caporale, così battezzato per aver ucciso un tenente nel periodo di naja, viene reclutato come killer da Gaetano Corona. Il suo compito è eliminare criminali di piccolo calibro, tossicodipendenti, …

Additional images:

Product Thumbnail

Price: 4,99

Buy Now

I RAGNI ZINGARI SU AMAZON:

Su Amazon

I ragni zingari

11,50
9,69
1 new from € 9,69
Free shipping
COMPRA
amazon.it
as of 24 settembre 2017 12:56

Chi è Angelo Marenzana

Angelo Marenzana (Alessandria, 1954, scorpione). Autore con una ricca produzione di racconti pubblicati su riviste e antologie tra cui Il Giallo Mondadori, Urania, Cronaca Vera, Stop, Crimen, I Quaderni del Falcone Maltese, Omissis (Einaudi), e su antologie personali quali Frontiere (Edizioni Mobydick), Bel suol d’amore (Edizioni dell’Orso), La Casa di Hilde (Cordero Editore). Con Mobydick ha pubblicato Tre fili di perle, seguito da Destinazione Avallon (Robin Edizioni) e Buchi neri nel cielo (Perdisa Pop). Creatore del commissario Augusto Maria Bendicò ha dato alle stampe la trilogia Legami di morte (Dario Flaccovio Editore), Ora segnata (Iris 4 Edizioni) L’uomo dei temporali (Rizzoli Editore). Con Nero Press è uscito in versione ebook Piedra Colorada. Di prossima pubblicazione Alle spalle del cielo (Baldini & Castoldi). Per Algama ha pubblicato "La scelta del Caporale"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi