Home / Brera Dixit / Chi pagherà la pensione a Mister Farage? (Paolo Brera)

Chi pagherà la pensione a Mister Farage? (Paolo Brera)

Entro la fine di marzo Theresa May invocherà l’Art. 50 del Trattato di Lisbona, quello in base al quale un Paese membro inizia il suo processo di distacco dall’Unione Europea. Seguiranno due anni di trattative per definire i dettagli del divorzio, poi, se non sarà avvenuto prima, l’addio entrerà in vigore nell’aprile del 2019.

Sui futuri negoziati fra l’Ue e la Gran Bretagna per la Brexit si sta tuttavia profilando un ostacolo ingombrante, la richiesta di Bruxelles che Londra paghi una forte somma per liquidare i rapporti pregressi. Gli importi di cui si parla vanno, secondo Alex Barker del Financial Times, da 24,5 a 72,8 miliardi di euro. Non sono noccioline e hanno già fatto infiammare i cuori dei brexitisti, i quali non vogliono scucire nulla.

[E se andaste a leggere la vera storia del Pepín a Marsala?]

La richiesta dell’Ue si basa su una serie di punti. Prima di tutto ci sono i programmi varati in passato, con il voto della Gran Bretagna, e non ancora interamente eseguiti, per i quali sono dovute le rate annuali fino ad esaurimento. A questo bisogna aggiungere impegni come il pagamento delle pensioni ad ex politici e funzionari europei di nazionalità britannica e “impegni di coesione” applicabili anche dopo il 2019 (data dell’uscita britannica), impegni che rappresentano un aiuto ai Paesi meno ricchi dell’Unione. Nelle parole di un funzionario europeo, Margaritis Schinas, la pretesa britannica di non cacciare più una sterlina è come se in un pub tutti offrissero a turno un giro di birre, ma uno degli sbevazzoni dopo aver ordinato un altro giro se ne andasse prima del suo turno di pagare.

Il paradosso è che fra i brexitisti più precoci e oggi più indignati ci sono molti che sarebbero diretti beneficiari di spese a cui si chiede alla Gran Bretagna di partecipare.

[C’è un sacco di veleno nella Brexit. E il Veleno degli altri?]

Infatti a Strasburgo siedono oggi 73 deputati britannici, di cui 20 eletti nelle liste dell’Ukip, il partito nazionalista che più ha premuto per l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione. Come i 1500 funzionari Ue con il passaporto del Regno Unito, questi hanno accumulato diritti per la pensione. Nel caso del Parlamento si parla del 3,5% dello stipendio annuo per ogni anno di servizio, fino a concorrenza del 70% in tutto.

I conti sono presto fatti. Nigel Farage è deputato europeo dal 1999 e ha promesso di rimanere  fino al  momento dell’uscita della Gran Bretagna, nel 2019. In quel momento avrà diritto al massimo della pensione, il 70% dell’ultimo stipendio. Come dire 6.000 euro al mese.

[Vampiri? Non se ne parla nella raccolta Senza vampiri…]

L’Ukip è stato chiarissimo: si aspetta che le pensioni siano pagate anche dopo l’addio della Gran Bretagna all’Europa. Un portaparola ha detto che Farage e compagnia «sono stati eletti e hanno lavorato». Perciò, dice l’Ukip, hanno diritto alla pensione.

Chi dovrà pagargliela, però? I contribuenti europei di sicuro non sarebbero molto contenti di mantenere gente che ha operato per disgregare l’Europa, per cacciare via i cittadini europei dal proprio Paese e per sottrarsi alle regole comuni. E Farage, Dio non voglia, potrebbe anche vivere ancora qualche decennio. Sopra tutto se berrà un po’ meno birra e se si ricorderà di pagare il giro quando tocca a lui.

Paolo Brera

L’ULTIMO NOIR DI PAOLO BRERA, PER KINDLE:

Il denaro degli altri

Jerry è un aspirante balordo, un milanese con antenati pugliesi. Deve portare in Svizzera cinque milioni di euro per conto di un boss, insieme ad uno più esperto. Dei due, uno solo tornerà in Italia. Il cadavere dell’altro verrà scoperto in un parco alla periferia di Lugano, nudo e senza niente che identificarlo.È un caso …

Additional images:

Product Thumbnail

Price: 6,99

Buy Now

 

 

Chi è Paolo Brera

Paolo Brera è nato nel secolo scorso, non nella seconda metà che sono buoni anche i ragazzini, ma nell’accidentata prima metà, quella con le guerre e Charlie Chaplin. Poi si è in qualche modo trascinato fino al terzo millennio.Lo sforzo non gli è stato fatale, ma quasi, e comunque potete sempre aspettare seduti sulla riva del fiume. Nella sua vita ha fatto molti mestieri, che a leggerne l’elenco ci si raccapezza poco perfino lui: assistente universitario di quattro discipline diverse (storia economica, diritto privato comparato, eocnomia politica e marketing), vice export manager di un’importante società petrolifera, consulente aziendale, giornalista, editore, affittacamere e scrittore. Ha pubblicato una settantina di articoli scientifici o culturali, tradotti in sei lingue europee, due saggi (Denaro ed Emergenza Fame, quest’ultimo pubblicato insieme a Famiglia Cristiana), due romanzi e una trentina di racconti di fantascienza, sei romanzi e una decina di racconti gialli, più un fritto misto di altri racconti difficili da definire.Negli ultimi anni si è scoperto la voglia di tradurre grandi autori, per il piacere di fare da tramite fra loro e il pubblico italiano. Questo ha voluto dire mettere le mani in molte lingue (tutte indoeuropee, peraltro). Il conto finora è arrivato a quindici. Non è che le parli tutte, ma oggi c’è il Web che per chi lo sa usare è anche un colossale dizionario pratico. L’essenziale è rendere attuali questi scrittori e i loro racconti, sfuggire all’aura di erudizione letteraria che infesta l’accademia italiana, e produrre qualcosa che sia divertente da leggere. Algama sta ripubblicando le sue opere in ebook, a partire dalla serie dei romanzi con protagonista il colonnello De Valera.

Leggi anche

E se la Gran Bretagna non uscisse più dall’UE?

Oltre Manica, alcuni cominciano a dire che l’Art. 50 potrebbe essere revocato e la Gran …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi