Home / Brera Dixit / Unicredit e il risanamento bancario (Paolo Brera)

Unicredit e il risanamento bancario (Paolo Brera)

Si apre la seconda e ultima settimana dell’aumento di capitale di Unicredit, che si chiuderà venerdì prossimo. L’aumento promette di essere una pietra miliare per la storia del sistema bancario italiano: l’importo massimo, 13 miliardi, ne fa il più grande aumento della storia della Borsa, e viene a cadere in un momento molto particolare per le banche del nostro Paese. Il mercato finanziario è stremato da decenni di stagnazione economica e bassi tassi di interesse, più molti anni di malign neglect dei successivi governi di Roma. Questi ultimi hanno assunto – a nome dell’Italia – impegni rovinosi per le nostre banche, e hanno ritardato oltre ogni limite di decenza il nccessario intervento correttivo.

[Paolo Brera ha scritto molte cose. Prova questa!]

Unicredit non ha corso grossi rischi, ma non è neppure rimasta in splendido isolamento rispetto alle altre banche italiane. L’anno scorso ha cambiato amministratore delegato e il nuovo boss, Jean-Pierre Mustier, ha inaugurato un nuovo corso di rafforzamento.

Diamogli pure la parola: «Il 2016 è stato un anno cruciale per Unicredit» ha detto, «Abbiamo intrapreso numerose azioni incisive per superare le eredità negative del passato e le criticità operative in modo da assicurare il successo futuro del gruppo. Continueremo a rafforzare il nostro semplice modello di business di banca commerciale paneuropea che beneficia di una divisione Cib interamente integrata, al contempo continuando a fornire l’accesso alla nostra rete senza eguali nell’Europa Occidentale e Centro Orientale ai nostri 25 milioni di clienti».

Il piano strategico Transform 2019, ha detto ancora Mustier, sta già progredendo. In effetti, da inizio febbraio, la banca ha lanciato l’aumento di capitale, ha firmato accordi con i sindacati per un piano di 14.000 esuberi da completare entro la fine del 2019 e ha dato il via all’implementazione del progetto Fino, un’iniziativa adottata per accelerare lo smaltimento delle esposizioni deteriorate lorde del gruppo. «L’intero gruppo è totalmente impegnato a implementare con successo il nostro piano strategico. Tutti i business hanno retto bene nel 2016, supportati da attive misure di riduzione dei costi e flussi in entrata positivi che sottolineano la forza del marchio Unicredit » ha detto Mustier.

La scopa nuova spazza meglio, e Mustier ne ha approfittato per fare pulizia di un certo numero di poste di bilancio problematiche. Il risultato è stato una maxi-perdita di 11,8 miliardi di euro, che fa tabula rasa e permette di ripartire senza il fiato del Moloch sul collo. La perdita manda in sentina tutti i possibili indici di Basilea, ma i 13 miliardi della ricapitalizzazione consentiranno di rientrare nella zona sicura.

Il problema è il solito. Riusciranno i nostri eroi a farsi dare 13 miliardi dai risparmiatori? Sapremo la risposta sabato prossimo. Ma almeno per ora, gli auspici non sono cattivi. Dopo un esordio da film dell’orrore, con l’azione Unicredit che scendeva e scendeva, i giorni successivi hanno recato un certo consolidamento. È ancora presto per dire se ciò si tradurrà in un pieno successo dell’aumento fra gli azionisti minori, però, se non altro, non si vedono segni premonitori di un grosso flop. Resta vero che diversi soci di rilievo si sono fatti pregare a lungo (alcuni non si sa ancora con quale esito) e che le Fondazioni non sottoscriveranno l’intero importo di loro spettanza.

[Tanto va la gatta all’e-book, che ci lascia… be’, non so che cosa ci lasci. Ma vedete voi. Basta un bel click qui!]

Essendoci un consorzio di garanzia, l’aumento andrà in porto comunque. Ma se il consorzio dovesse farsi carico di troppa parte della ricapitalizzazione, l’impressione di debolezza che il sistema bancario italiano da tempo sta dando all’urbe e all’orbo ne uscirebbe accentuata. Il che getterebbe ombre abbastanza oscure sul prossimo passo, quello di Montepaschi. La banca senese non ha una situazione paragonabile a quella di Unicredit: è molto meno solida, perché il problema degli npl (Non-Performing Loans) è più grave; inoltre è ormai provato usque ad nauseam che il mercato non può né vuole provvedere al suo rilancio.

Se però entrambe queste operazioni andranno in porto, saranno una tappa fondamentale nel risanamento delle banche italiane. Ci troveremo in una situazione in cui buona parte degli npl di Damocle che pendono sulla testa delle nostre banche  saranno stati neutralizzati, e si sarà forse anche formato un mercato meno casuale per questi crediti dubbi (che del resto stanno diminuendo). Al momento non si può dire se andrà davvero così. Ma già il prossimo weekend, concluso l’aumento Unicredit, potremo farci un’idea più chiara. Paolo Brera

[Senza vampiri. Storie di grandi autori dove il vampiro è solo nel titolo]

L’ULTIMO NOIR DI PAOLO BRERA, PER KINDLE:

Il denaro degli altri

Jerry è un aspirante balordo, un milanese con antenati pugliesi. Deve portare in Svizzera cinque milioni di euro per conto di un boss, insieme ad uno più esperto. Dei due, uno solo tornerà in Italia. Il cadavere dell’altro verrà scoperto in un parco alla periferia di Lugano, nudo e senza niente che identificarlo.È un caso …

Additional images:

Product Thumbnail

Price: 6,99

Buy Now

Chi è Paolo Brera

Paolo Brera è nato nel secolo scorso, non nella seconda metà che sono buoni anche i ragazzini, ma nell’accidentata prima metà, quella con le guerre e Charlie Chaplin. Poi si è in qualche modo trascinato fino al terzo millennio.Lo sforzo non gli è stato fatale, ma quasi, e comunque potete sempre aspettare seduti sulla riva del fiume. Nella sua vita ha fatto molti mestieri, che a leggerne l’elenco ci si raccapezza poco perfino lui: assistente universitario di quattro discipline diverse (storia economica, diritto privato comparato, eocnomia politica e marketing), vice export manager di un’importante società petrolifera, consulente aziendale, giornalista, editore, affittacamere e scrittore. Ha pubblicato una settantina di articoli scientifici o culturali, tradotti in sei lingue europee, due saggi (Denaro ed Emergenza Fame, quest’ultimo pubblicato insieme a Famiglia Cristiana), due romanzi e una trentina di racconti di fantascienza, sei romanzi e una decina di racconti gialli, più un fritto misto di altri racconti difficili da definire.Negli ultimi anni si è scoperto la voglia di tradurre grandi autori, per il piacere di fare da tramite fra loro e il pubblico italiano. Questo ha voluto dire mettere le mani in molte lingue (tutte indoeuropee, peraltro). Il conto finora è arrivato a quindici. Non è che le parli tutte, ma oggi c’è il Web che per chi lo sa usare è anche un colossale dizionario pratico. L’essenziale è rendere attuali questi scrittori e i loro racconti, sfuggire all’aura di erudizione letteraria che infesta l’accademia italiana, e produrre qualcosa che sia divertente da leggere. Algama sta ripubblicando le sue opere in ebook, a partire dalla serie dei romanzi con protagonista il colonnello De Valera.

Leggi anche

Banche, perché oggi lo Stato deve sostenerle

Ancora non si sia se la vicenda di Montepaschi (e delle altre banche in difficoltà) …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com