Home / Bar Sport / Torino: salvate il soldato Mihajlovic dall’ammutinamento e … dall’esonero?

Torino: salvate il soldato Mihajlovic dall’ammutinamento e … dall’esonero?

 

C’era una volta il Toro, o meglio, un Torino spumeggiante che, senza stancare sapeva e voleva incantare. Poi però il giocattolo granata, qualche settimana fa si è inceppato e mister Mihajlovic, per la serie il trainer che pareva avere le chiavi in mano di una macchina quasi perfetta, oggi …sembra non ne azzecchi più una manco per caso.

Balla la panchina dell’ex allenatore di Milan, Sampdoria, Bologna, Catania e Fiorentina? Sì, balla assai la panca del buon Miha, inutile negare l’evidenza.

Domenica in quel di Empoli, al termine di una “discussione” non proprio bella da vedersi, Iago l’ha avuta vinta sull’immenso Belotti (la clausola rescissoria lo disturba?) tirando il penalty, per la cronaca poi sbagliato. Ebbene questo è un piccolo, ma significativo esempio che, ecco, all’interno dello spogliatoio qualcosa non funziona, che, particolare non da poco: nonostante le apparenza e l’aria da duro, forse (ahimè) SinisaMihajlovic sia ormai un uomo troppo solo e non più in grado di guidare la sua magmatica creatura calcistica.

Ergo domenica col Pescara è imperativo vincere gettando il cuore oltre l’ostacolo e preferendo la prosa al posto della poesia. In caso contrario, sulla sponda torinese – granata del Po, non si escludono colpi di scena e cambi in panca, magari con Reja (o Guidolin?) nelle vesti di traghettatore. Scommettiamo? Ah quasi dimenticavo: in caso di rigore: palla al Gallo Belotti e … basta. Ok?

Stefano Mauri

 

 

 

 

Chi è Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Leggi anche

Lo strano calciomercato della Juve rockshock e i colpi mancati Tolisso e Cancelo

      Il voto al calciomercato, ancora aperto (garba il genoano Laxalit) fino al …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi