Home / società / 11 L’ETERNO ALUNNO di Massimo Alborghetti – CORTOMETRAGGIO

11 L’ETERNO ALUNNO di Massimo Alborghetti – CORTOMETRAGGIO

Quando mi capita d’avere qualche stagista in cucina dico sempre loro : “ Ruba il mestiere, assorbi come una spugna quello che vedi, senti, fai. Poi fallo tuo. Anche in modo personale. Togliendo o aggiungendo quello che non ti sembra giusto” .

WP_20170129_011

La stessa cosa L’ho intrapresa anni fa con il Cinema . In tutti i corsi e le scuole di cinema che ho frequentato, seguendo maestri come Ermanno Olmi o Theo Angelopoulos. Ma anche e soprattutto con il Cinema indipendente locale. Andando a fare la comparsa peraltri o il microfonista, il ciakkista…qualsiasi cosa. Senza avere la presunzione d’essere un maestro e di non avere bisogno di confronto con le metodologie di altri autori. E’ sopratutto in quei set che capisci come gli altri organizzano le riprese, come dirigono gli attori o come si muovono nelle location. In questo negli anni mi è servito essere iscritto ad un Cine Video Club. Per la precisione a Bergamo.

Gli autori tendono sempre a lavorare ai propri progetti individualmente. Entrando a far parte di un club si ha la possibilità del confronto. Si possono far visionare ad un gruppo il proprio operato, e se si riesce a capire quali sono le critiche costruttive se ne ottiene un buon modo per migliorare. Anche i cineclub negli anni sono mutati. Un tempo erano molto più affollati, ma naturalmente con il subentrare della tecnologia sempre più virtuale il contatto fisico è andato via via diminuendo. Ma è molto bello uscire di casa, fare chilometri, cercare e trovare parcheggio in centro città e poi godersi una serata di scambio. Si visionano i film con molti altri e si possono esporre le proprie impressioni.

Lo stesso filmato è visto in modo diverso. Sopratutto in quelli con finali un po’ più aperti, dove sta alla sensibilità dello spettatore metterci del proprio,attingendo alle proprie esperienze di vita. Oltre che visionare come Cine-lab cerchiamo anche di realizzare cortometraggi con eventuali corsisti o nuovi soci. Anche in questi laboratori, dove l’autore più esperto fa da guida ai novelli cineasta, si possono creare amicizie e scambi interessanti. Ve ne mostro un esempio con : una visita (in) attesa.

WP_20170129_006WP_20170129_009

Un piccolo cortometraggio girato nel contesto di Cine-lab da un’idea di Pier Luigi Avorio ed interpreto da uno dei miei attori nonché sostenitori da sempre: mio padre Alborghetti Cesare, che è riuscito con solo le espressioni del viso a dare forza ad una vita. E con Bambina Finassi, Milena Previato Mervic, Luigi Bana, Fiorella Lilli, Gianluca Piretti ed Emanuele Ragusa. Buona visione

 


Chi è Massimo Alborghetti

Mi chiamo Massimo Alborghetti . Ho sempre amato scrivere storie. Dopo aver scoperto la videocamera a sedici anni, ho realizzato il mio primo film e non mi sono più’ fermato. Amo raccontare storie psicologiche. Thriller , drammatici. Dopo aver frequentato una scuola da Ermanno Olmi ed aver fatto diversi corsi di Cinema,ho realizzato più’ di 100 cortometraggi e 10 lunghi. ho preso diversi premi e col denaro vinto ho continuato a realizzare e produrre. Essendo indipendente i miei film non sono perfetti ma non hanno vincoli e restrizioni. Eccovi il mio sito internet dove potete vedere alcuni miei lavori: www.massimoalborghetti.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi