Home / Ambiente / La battaglia di Rigopiano

La battaglia di Rigopiano

IMG_1983

Un silenzio fragoroso”.

Così qualcuno dei presenti, qualche integerrimo rappresentante mediatico, ha descritto l’aria che si respirava a Rigopiano durante i primi soccorsi.
I giornali si sono riempiti di titoloni, i tg di sospiri e sinfonie di sottofondo. Il silenzio fragoroso e’ rimasto custodito tra le maschere di neve rapprese in un ultimo spaventoso urlo, lì tra i boschi e le macerie.
Da buoni italiani sui social si è scatenato il cordoglio e il bisogno di chiarezza.
Quell’albergo poteva stare lì?
I soccorsi sono arrivati in ritardo?
Riposa in pace, chiunque tu sia.
E poi le autopsie sui corpi, quelli morti per soffocamento, quelli per schiacciamento e quelli per congelamento. Perché dobbiamo trovare un colpevole, un motivo.
Il motivo è che la natura si sta riprendendo il suo spazio, la sua natura appunto.
“Le valanghe seguono i loro percorsi dalla creazione del mondo, come torrenti e fiumi. Costruire sulla linea è memoria perduta. La montagna non gioca scherzi, se ne sta lì impassibile, fa la sua vita. E le valanghe, come gli automobilisti, non si fermano sulle strisce pedonali dell’ingenuità.” ha scritto Mauro Corona, uno che di certe cose se ne intende.
E mentre la natura si ribellava l”uomo cercava di allearsi, di combattere.
“Mi ha chiamato un mio amico, è crollato l’Hotel Rigopiano, ha moglie e figli. Ci sono altre persone” ha esordito il professor Marcella al telefono.
E niente.
Mentre la voce della montagna tuonava quella degli uomini si faceva mite, vacua, ovattata.
“E’ senz’altro uno scherzo”.
Un’ora e mezza di nulla. Di bianco, silenzioso, atroce nulla.
Già si preparavano i tavoli operatori. Soffocamento, schiacciamento, congelamento…
L’albergo, ormai sommerso, e’ stato raggiunto troppo tardi.
Qualche decennio in ritardo, probabilmente.
Ora, tra la neve che si piega sotto le pale e l’abbaiare dei cani, sempre meno convinti, resta sempre e soltanto quel fragoroso silenzio che sa di sconfitta.
L’uomo ha perso la sua battaglia con la natura.
Due volte.
Che ora, com’è giusto, si piangano le famiglie distrutte. Che si applauda al coraggio dei soccorritori.
Che si ascolti quel silenzio e lo si comprenda una volta per tutte.

Alex Rebatto 

L’ULTIMO NOIR DI ALEX REBATTO, PER KINDLE:

2084

Niente macchine volanti. Niente teletrasporto. Poche, pochissime innovazioni. Nel 2084 il mondo sarà tale e quale ad oggi. Con una sola differenza: chi avrà il potere e la ricchezza potrà permettersi di uccidere gli appartenenti ai ceti sociali più bassi. Le fucilazioni ordinate da imprenditori insensibili saranno all’ordine del giorno. La politica non avrà più …

Additional images:

Product Thumbnail

Price: 1,99

Buy Now

Chi è Alex Rebatto

Alex Rebatto, classe 1979. Ha collaborato nei limiti della legalità con Renato Vallanzasca ed è stato coautore del romanzo biografico “Francis”, sulle gesta del boss della malavita Francis Turatello (Milieu editore), giunto alla quarta ristampa. Ha pubblicato il romanzo “Nonostante Tutto” che ha scalato per mesi le classifiche Amazon. Per Algama ha pubblicato il noir "2084- Qualcosa in cui credere"

Leggi anche

Addio a Fidel Castro – Patria o muerte

“Caro popolo di Cuba, è con profondo dolore che compaio per informare il nostro popolo, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi