Home / Bar Sport / L’Inter ora sembra una squadra vera, ma deve pensare … all’anno che verrà

L’Inter ora sembra una squadra vera, ma deve pensare … all’anno che verrà

 

Sì, rivitalizzata dall’arrivo, tardivo ma fondamentale di mister Stefano Pioli, allenatore preparato che meriterebbe maggiori attenzioni e più considerazione, adesso l’Inter sembra una squadra vera e ha imparato persino a soffrire.

Riuscirà ad acciuffare un posto al sole in Champions League il club nerazzurro sempre caro all’ex presidente Massimo Moratti?

Per carità nulla è impossibile, ma obiettivamente, ecco allo stato attuale, Juventus, Roma e Napoli sembrano maggiormente attrezzate, per così dire, ad occupare stabilmente i tre posti disponibili per quella, che una volta, ah … che tempi quei tempi, era chiamata Coppa Campioni. No?

Così, dato che l’Internazionale Ambrosiana Milano, grazie al nuovo patron Suning ha una valanga di soldi da destinare al calciomercato e una potenza economica notevolissima, ecco forse dovrebbe iniziare concretamente … al futuro “proiettando” fin da oggi, una programmazione degna di tale nome in grado, diciamo nel giro di 4 anni, di inserire il sodalizio nerazzurro milanese, nel gotha del football internazionale che conta. Questo, ovviamente, senza … far venir meno la presa sui Pioli Boys, senza dimenticare che nella prossima annata agonistica non si potrà più sbagliare.

Ergo, i tanti soldi destinati (Gagliardini gran colpo) al progetto calcistico interista dalla proprietà orientale, necessariamente andranno investiti bene (Verratti obiettivo nel mirino) evitando sprechi, incomprensioni tra le parti, intromissioni (che Kia è pur sempre un consulente importantissimo e difficile da arginare) illustri nel mercato e tentennamenti.

Sì perché se si vuole puntare su Pioli trainer e Ausilio direttore sportivo (professionisti entrambi capaci ma talvolta eccessivamente buoni), beh si vada avanti con loro senza tentennare, evitando di flirtare con sirene calcistiche (Sabatini e non solo lui per esempio) che il futuro è già adesso.

Stefano Mauri

 

 

 

Chi è Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Leggi anche

La Juve corteggia il laziale Milinkovic Savic, Milan Donnarumma può restare

    Allora, in posizione defilata, ma non troppo, la Juventus starebbe corteggiando e seguendo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi