Home / Bar Sport / Max Allegri punta su Pjanic, ma occhio alla sorniona Lazio di Simone Inzaghi…

Max Allegri punta su Pjanic, ma occhio alla sorniona Lazio di Simone Inzaghi…

 

 

Simone Inzaghi nelle vesti di allenatore è migliore del fratello – collega, oggi trainer del Venezia, Filippo detto Pippo, che quando giocava era a sua volta (invece) meglio dell’illustre parente centravanti pure lui?

Mah, i numeri e non solo dicono di sì: il team laziale, con una rosa discreta, ma non fortissima, con la media punti di 1,96 (buona, ma solo per ciò che possono valere i numeri… per carità, ndr) in classifica vola dove osano le aquile e … sogna un posto in Europa League.

In particolare la Lazio, domenica a Torino, allo Stadium, vale a dire nel fortino quasi inespugnabile bianconero, ecco alla Vecchia Signora guidata da Max Allegri (meno ironico, più malinconico e nervoso del solito) … proverà a fare lo sgambetto.

Salvo sorprese dell’ultima ora, nel big match (solo 5 punti distanziano le due squadre) delle 12.30, la capolista (con una partita in meno) Juventus scenderà in campo con un 4 – 3 – 1 – 2 potenzialmente in grado di mettere Pjanic di colpire e dialogare al meglio con Dybala. Questo atteggiamento può essere quello giusto, ma fossimo in Allegri, non disegneremmo lo schieramento a … respiro europeo 4-3-3 con la seguente rosa: Buffon, Lichtsteiner, Asamoah, Marchisio, Rugani, Bonucci,Pjanic, Rincon, Higuain, Pjaca, Dybala. Eh, sì diciamolo: le assenze causa squalifica di Alex Sandro e Sturaro a questa Juventus, inevitabilmente peseranno. Khedira? Un pochino di panchina non guasterebbe al pur forte centrocampista teutonico. No?

Tra i biancocelesti occhio al playmaker (nella Juve farebbe faville) Biglia, al faticatore Parolo, alla coppia fantasia Anderson – Milinkovic e all’ex avvelenato Immobile. A proposito, gli Allegri Boys per allontanare lo spettro della crisi, parola sconosciuta da anni da quelle parti del Po, non hanno scelte: devono vincere. Che ne pensate?

Stefano Mauri 

 

 

Chi è Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Leggi anche

Higuain? Gonzalo segna e fa sognare, ergo che si fotta la sua dieta. No?

    Grasso? Ingordo? Poco attento all’alimentazione: intesa come quella sana, equilibrata, per così dire …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com