Home / Bar Sport / Juventus: aria di … maretta tra Max Allegri e la premiata ditta Agnelli & Marotta ?

Juventus: aria di … maretta tra Max Allegri e la premiata ditta Agnelli & Marotta ?

Ricordate? Ne avevamo parlato tempo fa del desiderio sotterraneo, timido ma comunque concreto di mister Max Allegri di lasciare, nel prossimo mese di maggio, la Juve e adesso, le voci, complice pure il Ko di Doha col Milan in Supercoppa, beh si stanno facendo più insistenti. Sì perché oltre ai richiami spagnoli, sponda Atletico Madrid, il richiamo, o meglio, la tentazione arriverebbe direttamente dall’Inghilterra, in quella Londra che profuma di Arsenal.

Cosa è successo tra Allegri e la Vecchia Signora per arrivare ad ipotizzare un divorzio? Allora innanzitutto l’estate scorsa, il trainer livornese si aspettava un rinforzo pesante – pensante a centrocampo, ma l’acquisto è sfumato. Pur vincente inoltre, l’attuale allenatore bianconero, dai tifosi del tutto non è mai stato accettato, cosa questa che alla lunga potrebbe minare ulteriormente la volontà di restare dello stesso tecnico. Ultimamente poi, Marotta e in modo garbato, ma più marcato Agnelli (sicuri tra l’altro che presidente e direttore generale vadano d’accordo su tutto?) ecco avrebbero chiesto conto proprio a Massimiliano detto Max di alcune scelte a quanto pare non capite dal management juventino.

Le eccessive panchine di Dybala e Higuain, coppia perfetta secondo l’amministratore delegato bianconero, la condizione atletica poco tonica, lo scarso utilizzo di Cuadrado e le pressanti richieste in chiave calciomercato. Questi i capi d’imputazione che, condizionale d’obbligo, Marotta avrebbe addossato al buon Max.

Dal canto suo, pur nervoso e incazzato coi suoi calciatori per il Ko di Doha, l’ex coach del Milan parrebbe aver richiesto nuovamente rinforzi ai suoi dirigenti i quali starebbero sondando il mercato per provare a portare all’ombra della Mole i centrocampisti Witsel e Rincon. Hernanes e Zaza dovrebbero invece passare al Valencia guidato da Prandelli, Mandragora partirebbe in prestito per giocare e farsi le ossa. Aria di divorzio in vista tra le parti? Mah per ora trattasi soltanto di rumors post natalizi. Tuttavia mai dire mai, dato che lontano da occhi indiscreti, professionisti del calibro di Simeone (sì proprio lui), Sousa, Jardel, Di Francesco, Spalletti, Montella e Gasperini, alla faccia delle fisiologiche smentite, vanno considerati obiettivi intriganti.

Stefano Mauri

Chi è Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Leggi anche

Clamoroso a Milano: via Montella (Roma o Juve) al Milan arriva Mancini?

      Clamoroso a Milano verrebbe da dire, laddove sulla sponda rossonera dei navigli …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com