Home / Bar Sport / Champions: Napoli con Rock Diawara avanti con poesia, la Juve con prosa

Champions: Napoli con Rock Diawara avanti con poesia, la Juve con prosa

 

Quindi due squadre italiane, meritatamente sono approdate agli ottavi di Champions League. Un passaggio di turno diverso, diversificato e vario appunto in base alle potenzialità delle due squadre italiche in auge nell’Europa che conta.

Il football europeo, a questo Napoli plasmato da Sarri, grazie anche alla cabina di regia del super baby playmaker Rock
Diawara (l’ex del Bologna avrebbe fatto comodo assai alla Juve) calza praticamente a pennello.

Veloce, bello da vedersi, apparenza sostanziosa da vendere, geometrico, tecnico:

eccole le caratteristiche principali del Napule di Champions allenato da Maurizio Sarri. Udite, udite: qualora trovasse un pochino di sana, matura continuità, ecco allora il team partenopeo potrebbe recitare veramente il ruolo della mina vagante nel Vecchio Continente nel pallone. Senza dimenticare che a febbraio tornerà l’infortunato Milik e dal calciomercato, magari (Pavoletti?) a gennaio arriveranno novità. No?

Se il Napoli ha calciatori che fanno giuoco, poesia e apparenza (in tal senso ha ragione l’immenso Mario Sconcerti del Corriere della Sera), indubbiamente la Juventus ha giocatori che fanno sostanza e prosa, ma per alzare l’asticella in quella che una volta si chiamava Coppa Campioni, competizione maledetta per la Madame Bianconera sabauda, Marotta e Paratici, in questa fase del calciomercato di riparazione dovranno consegnare a mister Allegri, costi quel che costi, un centrocampista che sappia coniugare qualità e quantità. Witsel? Non è un super eroe, ma aspettando l’estate (e i possibili colpacci Gagliardini, Kessie e Varratti o N’Zonzi?) alla causa gioverebbe. Che ne pensate?

Ciò detto la Champions League adesso cambia faccia e diventa una lotteria speciale. Servirà anche culo, ma chi saprà far girare la palla, attaccare spazi ed avversari e segnare… arriverà lontano.

Stefano Mauri

 

Chi è Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Leggi anche

Clamoroso a Milano: via Montella (Roma o Juve) al Milan arriva Mancini?

      Clamoroso a Milano verrebbe da dire, laddove sulla sponda rossonera dei navigli …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com