Home / Breaking News / La Grecia torna a crescere, ma ha ancora bisogno di aiuto

La Grecia torna a crescere, ma ha ancora bisogno di aiuto

Per convenzione fra gli economisti, due trimestri in cui il pil mostra una variazione positiva definiscono la fine di un periodo di recessione. Secondo gli ultimi dati di Eurostat, dunque, possiamo salutare l’uscita dalla recessione della Grecia: l’eterno malatino d’Europa sembra infine avviato a rimettersi

 

 

romantic holidays - Santorini resorts

 

Certo, i tassi di crescita degli ultimi due trimestri restano sempre da prefisso telefonico, 0,5 e 0,2%, e per l’insieme dell’anno la Commissione europea prevede ancora un -0,3%. Ma il vento è girato, e il governo Tsípras conta per il 2017 su un tasso del 2,7%.

Anche altri indicatori sono migliorati. Nei primi dieci mesi dell’anno, la Grecia ha registrato un avanzo pubblico primario di 6,49 miliardi di euro, 5,2 miliardi oltre l’obiettivo. L’avanzo primario è un indicatore convenzionale, perché esclude gli interessi sul debito; ma in qualche modo ci dice che se ora l’economia greca partisse da zero, potrebbe farcela.

Il problema si sposta, ovviamente, sul debito. Il Fmi, uno dei membri della Trojka, non vuole dare altri aiuti se prima non viene condonata una parte del debito. Il governo esibisce le ultime cifre come medaglie d’onore per ottenere che i soldi promessi con l’ultimo piano di salvataggio — 86 miliardi, dopo i 147 e i 169 dei primi due piani – siano a questo punto interamente versati. In questo modo il governo potrebbe andare di fronte all’elettorato e far vedere che i sacrifici imposti alla popolazione hanno avuto una contropartita.

La realtà della crisi greca è poco clemente con i partiti al governo. Il governo in carica nel 2008, del partito Néa Dhimokratía, aveva falsificato seriamente i conti e aveva accumulato un debito pubblico insostenibile. Dal 2009 l’economia ha perso un quarto della produzione e ha bruciato uno dopo l’altro i governi — fino all’attuale, espresso da Síriza, una coalizione di sinistra. Oggi il governo di Aléxis Tsípras gode dell’approvazione del 18% della popolazione (contro il 40% di Néa Dhimokratía). Síriza ha chiesto alla Trojka condizioni migliori, ma ha fallito: ha dovuto fare m arcia indietro e ne paga ora le conseguenze in termini di popolarità.

Il primo salvataggio ha salvato in realtà le banche creditrici, sopra tutto tedesche e francesi, ma ha caricato il sostegno finanziario alla Grecia sulle spalle degli Stati membri dell’Ue, della Banca centrale europea e del Fmi. Il cammino è ancora lungo, la Grecia avrà bisogno di ulteriori aiuti e sarà bene darglieli. Ma bisogna anche prevedere un alleviamento della tremenda austerità che è già costata così tanto al popolo greco. La Grecia è Europa, e per parafrasare Terenzio, europaeus sum, nihil europaeum a me alienum puto: nulla di europeo ci deve essere estraneo.
Paolo Brera

Gli ultimi libri di Paolo Brera – GUARDA

Chi è Paolo Brera

Paolo Brera è nato nel secolo scorso, non nella seconda metà che sono buoni anche i ragazzini, ma nell’accidentata prima metà, quella con le guerre e Charlie Chaplin. Poi si è in qualche modo trascinato fino al terzo millennio.Lo sforzo non gli è stato fatale, ma quasi, e comunque potete sempre aspettare seduti sulla riva del fiume. Nella sua vita ha fatto molti mestieri, che a leggerne l’elenco ci si raccapezza poco perfino lui: assistente universitario di quattro discipline diverse (storia economica, diritto privato comparato, eocnomia politica e marketing), vice export manager di un’importante società petrolifera, consulente aziendale, giornalista, editore, affittacamere e scrittore. Ha pubblicato una settantina di articoli scientifici o culturali, tradotti in sei lingue europee, due saggi (Denaro ed Emergenza Fame, quest’ultimo pubblicato insieme a Famiglia Cristiana), due romanzi e una trentina di racconti di fantascienza, sei romanzi e una decina di racconti gialli, più un fritto misto di altri racconti difficili da definire.Negli ultimi anni si è scoperto la voglia di tradurre grandi autori, per il piacere di fare da tramite fra loro e il pubblico italiano. Questo ha voluto dire mettere le mani in molte lingue (tutte indoeuropee, peraltro). Il conto finora è arrivato a quindici. Non è che le parli tutte, ma oggi c’è il Web che per chi lo sa usare è anche un colossale dizionario pratico. L’essenziale è rendere attuali questi scrittori e i loro racconti, sfuggire all’aura di erudizione letteraria che infesta l’accademia italiana, e produrre qualcosa che sia divertente da leggere. Algama sta ripubblicando le sue opere in ebook, a partire dalla serie dei romanzi con protagonista il colonnello De Valera.

Leggi anche

Unicredit e il risanamento bancario (Paolo Brera)

Si apre la seconda e ultima settimana dell’aumento di capitale di Unicredit, che si chiuderà …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com