Home / Bar Sport / Frank de Boer: ma è davvero il mister la causa di tutti i mali dell’Inter?

Frank de Boer: ma è davvero il mister la causa di tutti i mali dell’Inter?

 

Allora, congelata almeno fino a mercoledì in tarda serata, la posizione di mister Frank de Boer, il management nerazzurro vario, variegato e troppo frastagliato, giovedì o al massimo venerdì mattina, si ritroverà per fare il punto della situazione e decidere chi sarà il nuovo condottiero tattico. Post scriptum: tra l’altro potrebbe restare lo stesso allenatore in carica olandese, del … futuro.

Così, a breve, questione di ore, Javier Zanetti (dirigente pesante ma forse si trova meglio a fare il “puro” ambasciatore), Zhang Jindong (numero uno del gruppo Suning) ed ErickThoir (lui ha deciso l’esonero concordato con Mancini e l’assunzione di de Boer, ndr) si guarderanno in faccia e… ecco, senza perdere ulteriore tempo, insieme a questione puramente tecniche dovrebbero seriamente iniziare a dare una fisionomia moderna, pragmatica, snella ed efficiente al Cda interista.

Sì poiché cosi andare avanti è dura, e soprattutto perché de Boer (uomo sbagliato, arrivato nel momento peggiore, al posto sbagliato?), pur non esente da colpe, beh non è il solo e unico responsabile dell’attuale momentaccio interista.

Pure il direttore sportivo Ausilio, orfano del consulente Mirabelli (sa il fatto suo e al Milan può fare bene) e delle consulenze di Mancini (ormai più manager che tecnico) appare spaesato e dovrebbe essere affiancato, nel ruolo, da interisti carismatici in grado di consigliarlo. Coinvolgendo maggiormente i già presenti Zanetti e il direttore generale Gardini, gente, per esempio, del calibro di Lele Oriali (direttore tecnico), Riccardo Ferri (club manager) e Beppe Baresi (allenatore in seconda del confermato de Boer aspettando l’anno prossimo),male non farebbero, messi nelle condizioni di lavorare, sulle sponde nerazzurre del Naviglio per affrontare questo momentaccio. No?

 

Chi è Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Leggi anche

Donnarumma e il Milan, Fiorentina in vendita, rinforzi per la Juventus

    E … beh se così, per vedere l’effetto che fa, Gigio Donnarumma (mister …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com