Home / Brera Dixit / La sterlina crolla

La sterlina crolla

È bastato che la premier Theresa May fissasse una data di massima per notificare all’Ue l’uscita in base all’articolo 50, perché il cambio della moneta britannica annullasse il suo parziale recupero di settembre e ricominciasse a scendere precipitosamente.

Dopo il congresso dei conservatori a Birmingham, per tutta la settimana la sterlina ha perso terreno nei confronti delle principali valute. In particolare, contro l’euro, rispetto al quale dal 23 giugno è scesa già di oltre il 20%, cioè il doppio di quanto era stato previsto come effetto del voto. Che cosa pensano i mercati finanziari della Brexit, a questo punto, è da considerarsi un dato acquisito: peste e corna.

Di per sé, una valuta debole non è un disastro, si chiami sterlina, quetzal o conchiglia Kauri. Nell’immediato incoraggia le esportazioni, sulla base della capacità produttiva esistente. Però anche in un primo momento ha almeno uns conseguenza negativa, deprime la bilancia dei pagamenti per l’effetto a J, e allo stesso tempo ne rende più difficile il finanziamento.

Sono gli effetti più a lunga scadenza, ad ogni modo, a presentare i maggiori elementi di rischio. La Gran Bretagna è un importatore obbligato di numerosi beni, come gli alimenti e l’energia: quale che sia il loro prezzo, è costretta ad acquistarli all’estero. Una moneta debole trasmette dunque impulsi inflazionistici. È vero che l’inflazione da almeno un decennio è un problema solo perché non ce n’è abbastanza, e un 2% annuo di aumento dei prezzi olia gli ingranaggi del sistema economico e produce più crescita. Ma con una svalutazione del 20%, i prezzi non si fermeranno al 2%.

Neanche i tassi d’interesse potranno fermarsi ai livelli rasoterra in cui sono sistemati adesso. Nelle condizioni della Gran Bretagna, il prevedibile aumento dei tassi gioca a favore dei pensionati, il cui reddito dipende in larga misura dagli stock di titoli dei fondi pensione. Però l’effetto di scoraggiare gli investimenti non scompare, e alla lunga sarà quello prevalente.

Peggio ancora, l’indebolimento della sterlina renderà più difficile il finanziamento del deficit della bilancia dei pagamenti. Un investitore che redige i suoi bilanci in euro, dollari o yen nel 2016 porterà a casa una perdita del 10-20% sui suoi investimenti in sterline. Nel 2017 dunque non potrà mostrare un grande entusiasmo all’idea di andare lungo sui titoli in sterline. Questo renderà necessario un aumento dei tassi di interesse molto più sensibile. Cosa che non augura bene per l’economia britannica.

 
Paolo Brera

Il veleno degli altri, l’ultimo noir di Paolo Brera – GUARDA

 

Chi è Paolo Brera

Paolo Brera è nato nel secolo scorso, non nella seconda metà che sono buoni anche i ragazzini, ma nell’accidentata prima metà, quella con le guerre e Charlie Chaplin. Poi si è in qualche modo trascinato fino al terzo millennio.Lo sforzo non gli è stato fatale, ma quasi, e comunque potete sempre aspettare seduti sulla riva del fiume. Nella sua vita ha fatto molti mestieri, che a leggerne l’elenco ci si raccapezza poco perfino lui: assistente universitario di quattro discipline diverse (storia economica, diritto privato comparato, eocnomia politica e marketing), vice export manager di un’importante società petrolifera, consulente aziendale, giornalista, editore, affittacamere e scrittore. Ha pubblicato una settantina di articoli scientifici o culturali, tradotti in sei lingue europee, due saggi (Denaro ed Emergenza Fame, quest’ultimo pubblicato insieme a Famiglia Cristiana), due romanzi e una trentina di racconti di fantascienza, sei romanzi e una decina di racconti gialli, più un fritto misto di altri racconti difficili da definire.Negli ultimi anni si è scoperto la voglia di tradurre grandi autori, per il piacere di fare da tramite fra loro e il pubblico italiano. Questo ha voluto dire mettere le mani in molte lingue (tutte indoeuropee, peraltro). Il conto finora è arrivato a quindici. Non è che le parli tutte, ma oggi c’è il Web che per chi lo sa usare è anche un colossale dizionario pratico. L’essenziale è rendere attuali questi scrittori e i loro racconti, sfuggire all’aura di erudizione letteraria che infesta l’accademia italiana, e produrre qualcosa che sia divertente da leggere. Algama sta ripubblicando le sue opere in ebook, a partire dalla serie dei romanzi con protagonista il colonnello De Valera.

Leggi anche

Tramonta nelle Borse l’asse Londra-Francoforte

Non ci voleva molto a predire che la fusione “fra eguali” tra Deutsche Börse e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi