Home / Bar Sport / Il curioso caso di Maurizio Sarri: bravo trainer, ma scarso comunicatore o …

Il curioso caso di Maurizio Sarri: bravo trainer, ma scarso comunicatore o …

 

Allora, su Maurizio Sarri, trainer del Napoli, uomo di campo e … allenatore inteso puramente come tale, niente da dire: il tecnico è preparato (ma dovrebbe applicare maggior turnover), conosce la materia, sa il fatto suo, ha fatto bene in passato ad Empoli e l’hanno scorso al Napule.

Ma sul Sarri mediatico tuttavia, che chi guida un top club, volente o dolente deve pure comunicare e bene, ecco qualche dubbio, per carità nulla di grave, sorge spontaneo. E se ne è accorto pure il presidentissimo Aurelio De Laurentiis (maretta tra i due?) visto che pochi giorni fa, all’indomani dell’ennesima lamentela del suo mister in merito ad un arbitraggio, beh senza tanti giri di parole gli ha detto di badare essenzialmente al campo.

Per la cronaca, pure quanto dichiarato domenica scorsa, dal coach dei partenopei, dopo il brutto Ko patito dai suoi ragazzi a Bergamo, al cospetto dell’Atalanta :<La Juventus è di un’altra categoria, fa torneo a sé>, probabilmente al management napoletano non garberà del tutto, soprattutto perché in fondo siamo solo all’inizio, innanzitutto poiché questa Juve, pur prima e forte, non pare irresistibile e la rosa napuletana non è poca roba. Tutt’altro.

Il fatto è che ci sono due facce di Maurizio Sarri: una quella del self made man di provincia che sgobbando è arrivato a lavorare in una piazza importante e che Sacchi avrebbe voluto al Milan intriga e garba assai. L’altra, quella del classico provinciale che sempre piange, si lamenta e accampa scusa invece evidenzia potenziali limiti che ne potrebbero frenare l’ascesa.

Ma ci sarebbe infine una terza opzione: cioè che il Maurizio talvolta lagnoso, lamentandosi, magari deluso dal mercato, in codice lanci messaggi alla proprietà.

Qual è la vera faccia del pupillo di Sacchi attualmente guida tattica della seconda forza del campionato? Lo scopriremo vivendo.

Stefano Mauri

 

 

 

 

 

Chi è Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Leggi anche

Donnarumma e il Milan, Fiorentina in vendita, rinforzi per la Juventus

    E … beh se così, per vedere l’effetto che fa, Gigio Donnarumma (mister …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com