Home / Bar Sport / Milanisti non “sparate” sullo juventino Fassone, professionista capace e abile

Milanisti non “sparate” sullo juventino Fassone, professionista capace e abile

Sulla carta, il professionista Marco Fassone, poco importa se simpatizza o simpatizzava per la Juve, pazienza se ha lavorato per l’Inter che alla fine contano le capacità, e Fassone è capacissimo, quindi … tornando al nostro esordio, beh ha tutti i requisiti per ridisegnare il nuovo Milan che verrà e diventarne il general manager.

E sin qui, l’ex dirigente di Juventus, Napoli e Inter, ecco sulla sponda rossonera dei Navigli meneghini non ha sbagliato nulla: Mirabelli, il direttore sportivo scelto per fare il nuovo mercato milanista, per intenderci è un addetto ai lavori sublime e bravissimo.

Purtroppo per lui (il diretto interessato), dalle parti del Portello, laddove è ubicato il quartier generale del Diavolo, poteri più o meno forti, ex calciatori che gradirebbero un posto al solo nel nuovo corso dirigenziale cinese, tifosi sinceri o manipolati, vedove del ragionier (juventino pure lui prima di convertirsi sulla via di Arcore) Galliani e venti di fronda, in parecchi gli remano (al bravo ma poco mediatico Fassone, ndr) contro determinati a complicargli maledettamente la vita. E continueranno, gufando, a remare nel senso contrario a quello pensato dal nuovo deus ex machina in pectore. Questo è poco, ma sicuro.

Ed è un vero peccato, perché cresciuto all’ombra di sua maestà Luciano Moggi (col cuore Toro Granata Giraudo al suo fianco), il buon Marco Fassone, per intenderci nel 2006 alla Juve in ricostruzione post Calciopoli, indubbiamente meritava maggior considerazione, lasciato in pace e se gli consentiranno di lavorare, certamente con un pizzico di fortuna saprà regalare, nel medio periodo, soddisfazioni ai veri milanisti.

Dulcis in fundo, quanti parlano senza sapere, prima di sparare sentenze farebbero meglio a sapere che comunque alla Juve e al Napoli Fassone ha lavorato bene e che all’Inter, tanto malaccio … non aveva poi fatto.

Stefano Mauri

 

 

 

Chi è Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Leggi anche

Higuain? Gonzalo segna e fa sognare, ergo che si fotta la sua dieta. No?

    Grasso? Ingordo? Poco attento all’alimentazione: intesa come quella sana, equilibrata, per così dire …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com