Home / News / “Ustica” di Riccardo Martinelli: la verità inafferrabile

“Ustica” di Riccardo Martinelli: la verità inafferrabile

trailer-film-ustica-2

Il disastro aereo di Ustica, 27 giugno del 1980, contende all’attentato di Piazza Fontana, 12 dicembre 1969, la triste palma di “madre di tutte le stragi” italiane.

Come si sa le stragi di civili nel nostro paese hanno la caratteristica di rimanere senza colpevoli accertati.

Quando va bene. Molto spesso, come appunto nei due sopracitati casi, le possibili verità sono più d’una, tutte opinabili, in un inestricabile garbuglio di ipotesi.

In comune Piazza Fontana e Ustica hanno soprattutto la partenza falsa: nel primo caso la c.d. “pista anarchica”, con le penose conseguenze della morte di Giuseppe Pinelli e della persecuzione giudiziaria nei confronti di Pietro Valpreda, nel secondo la tesi del “cedimento strutturale”, per obsolescenza tecnologica o carenza di manutenzione, dell’aereo precipitato, che provocò il fallimento dell’incolpevole compagnia Itavia.

Gli organi d’informazione, l’editoria e il cinema non hanno mai smesso di occuparsi dei due misteri irrisolti, nonostante i decenni trascorsi dagli eventi e l’ormai chiara impossibilità di far luce su di essi.

Per Piazza Fontana ricordiamo da ultimo l’interessante film “Romanzo di una strage” di Marco Tullio Giordana, del 2012, mentre nello scorso marzo è apparso nelle sale italiane “Ustica” di Riccardo Martinelli, specialista in docufiction su scottanti dossier.

Questa pellicola ripropone, presentandola come la soluzione, l’ipotesi dell’abbattimento per errore del Douglas DC 9 dell’Itavia (81 le vittime!) da parte di un razzo scagliato da un caccia americano che stava cercando di intercettare un mig libico in missione pirata.

Assieme a quella della bomba esplosa all’interno del velivolo,  questa è la ricostruzione più accreditata, anche se rimangono poi da stabilire gli autori  dell’attentato.

Val la pena di sottolineare che anche la tesi del razzo sul bersaglio sbagliato  ripropone lo stesso dilemma. Il defunto Presidente della Repubblica Cossiga, personalità addentro ai segreti militari del dopoguerra, ha parlato infatti  di una responsabilità di caccia francesi.

Il film di Martinelli rappesenta con spettacolare realismo il duello aereo di cui avrebbe fatto  le spese, per tragica fatalità,  il DC 9 della ex Itavia, costruendo con coerenza, ma opinabilente,  tutto il necessario contorno.

Parliamo di circostanze su cui si dibatte da trentacinque anni. Le tracce radar della battaglia tra i caccia nei cieli di Ustica mancherebbero perché fatte sparire in ossequio alla ragion di Stato,  o perché non ci sarebbero mai state? Il mig  libico caduto sulla Sila e ritrovato qualche tempo dopo il disastro del DC 9 non c’entrerebbe nulla con questo evento, o sarebbe proprio quello braccato dai caccia americani la sera del 27 giugno 1980? L’autopsia sul  cadavere del pilota ne avrebbe correttamente posdatato la morte rispetto alla catastrofe di Ustica,  o sarebbe stata adomesticata?

In “Ustica” le risposte sono chiare,  grazie alle scoperte di un immaginario deputato siciliano (interpretato da una faccia nota: Marco Leonardi,  il Salvatore De Vita giovanotto di Nuovo Cinema Paradiso) e della moglie pilota d’elicottero, prima accorsa sul luogo di caduta del mig.  Ad essi si affianca una giornalista, madre di una delle piccole vittime della strage, che trova la forza per uscire dalla disperazione dedicandosi alla ricerca della verità.

Come si può immaginare l”uomo politico e la consorte pagheranno a caro prezzo la loro posizione controcorrente rispetto alle indagini ufficiali, votate all’insabbiamento e al depistaggio.

Il film ha una sceneggiatura apprezzabile ed è ben diretto,  ma è sin troppo schierato, laddove certezze sulla vicenda, proprio per  reticenze e lacune più che sospette, non ce ne sono.

Come sempre quando si tocca una ferita mai rimarginata come il “caso Ustica”, sono seguite polemiche in relazione al personaggio  di un politico, da qualcuno identificato con una persona reale, che nel film incarna il cinismo e l’ipocrisia del potere.
Rino Casazza

LA LOGICA DEL BURATTINAIO E TUTTI I LIBRI DI RINO CASAZZA

 

La logica del Burattinaio, nella mente del serial killer

Bergamo sottosopra. Un’avventura di Auguste Dupin e Giuseppe Giacosa

Il Fantasma all’Opera

Tutto in venti ore

Di passaggio tra le date

 

 

 

Chi è Rino Casazza

Rino Casazza è nato a Sarzana, in provincia di La Spezia, nel 1958. Dopo la laurea in Giurisprudenza a Pisa, si é trasferito in Lombardia. Attualmente risiede a Bergamo e lavora a Milano. E’ da sempre un appassionato (come lettore, prima che come autore) della letteratura "di genere" in tutte le sue sfaccettature: giallo-noir, horror, fantascienza ecc. ecc. Altra sua grande passione sono il cinema, come testimonial la tesi di laurea sulla censura cinematografica, e il teatro, frequentato non solo come spettatore ma anche, in gioventù, come praticante dilettante. Il suo primo testo "letterario" è infatti la trasposizione teatrale della novella di Buzzati "Iago", di cui nel 1985 ha osato una regia. Oltre a numerosi romanzi brevi (tra cui quelli che hanno come protagonista il prete detective Don Patrizio Bruni) e racconti su pubblicazioni, riviste e collane varie, ha pubblicato cinque romanzi, tra cui, lo scorso giugno, il giallo Bergamo sottosopra, 0111 Edizioni. E a luglio il thriller, scritto con Daniele Cambiaso "La logica del Burattinaio", edito da Algama e ispirato al serial killer bambino William Vizzardelli

Leggi anche

Un inquietante episodio inedito nella biografia di William Vizzardelli, il Mostro di Sarzana

Il romanzo “La logica del Burattinaio” è costruito sul parallelismo tra la trama, ambientata ai …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com