Home / Bar Sport / Rino Gattuso fu Ringhio, appassionato e bravo trainer emergente lascia il Pisa

Rino Gattuso fu Ringhio, appassionato e bravo trainer emergente lascia il Pisa

 

Fresco di promozione in serie B, mister Rino Gattuso, a Pisa, alla guida del nobile decaduto team nerazzurro aveva una voglia matta di sognare e soprattutto continuare a far emozionare i tifosi.

Ma considerando, per così dire, l’evoluzione societaria in corso da quelle parti, là dove una volta, il leggendario e sanguigno patron Romeo Anconetani, persino in serie A, col suo piccolo club toscano riusciva a dire la sua scoprendo (tra le altre cose) talenti del calibro di Dunga, Simeone, Piovanelli, Kieft e tanti altri ancora, ecco, l’ex mediano ringhioso del Milan, forse avrebbe dovuto fare le valigie prima, così avrebbe potuto considerare con calma alcune proposte interessanti (su tutte quella dell’ambizioso Benevento) che gli erano state recapitate.

Ciò detto, se non respirava la serenità necessaria per lavorare al meglio, ecco Rino Gattuso fu Ringhio ha fatto comunque bene ad andarsene da Pisa e dal football pisano, uno come lui, in Italia o all’estero, merita la grande occasione. Nota a margine: in realtà, complice il ritorno in scena dell’imprenditore, nonché ex proprietario del sodalizio toscano, Maurizio Mian (traghettatore provvisorio o investitore da lungo periodo ? – ndr), Gattuso avrebbe ritirato volentieri le dimissioni, ma alla fine, il confermatissimo general manager Lucchesi, al posto di Rino ha scelto Leo Menichini. Ma a Pisa, l’incertezza regna tuttora.

Stefano Mauri

 

Chi è Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Leggi anche

Higuain? Gonzalo segna e fa sognare, ergo che si fotta la sua dieta. No?

    Grasso? Ingordo? Poco attento all’alimentazione: intesa come quella sana, equilibrata, per così dire …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com