Home / Bar Sport / Inter serve lo spirito di bandiere e simboli quali Riccardo Ferri, Zenga e Zanetti

Inter serve lo spirito di bandiere e simboli quali Riccardo Ferri, Zenga e Zanetti

 

Cosa serve a quest’Inter tecnicamente, grazie a una rosa sì, da limare e sistemare (urge un playmaker), ma tutto sommato, comunque valida?

Innanzitutto sarebbe buona cosa piazzare alla presidenza un simbolo nerazzurro, un personaggio, per esempio del calibro di Zanetti, dandogli pieni poteri di rappresentanza e soprattutto affidandogli l’incarico di interagire con,e, tra un direttore generale italiano da nominare, per capirci uno alla Baldini o alla Capello e, col (e tra) il direttore sportivo pragmatico Ausilio, che merita la conferma.

Ciò detto, un Team (o Club fate voi) Manager, beh farebbe al caso di quest’Internazionale che deve ritrovare sé stessa e sì, uno come Riccardo Ferri (Bandiera Interista che ha fatto la storia del football italico e di quello dell’Ambrosiana e meriterebbe maggior considerazione, ndr), cioè un simbolo in grado di far capire all’Icardi (meglio se ne vada magari per far posto a uno come Bacca o Mandzukic) di turno come ci si deve comportare negli spogliatoio di San Siro e della Pinetina. Perché l’Inter è l’Inter e … essere interisti è una vocazione densa da vivere pienamente.

In panchina? Aspettando tempi migliori e in attesa di un top coach quale Simeone, ecco, dato che ormai il “regno” Roberto Mancini(altrimenti gli si rinnovi il contratto evitando di considerarlo un traghettatore) volge al termine, beh arruolare un professionista dalla seguente rosa di nomination: Prandelli, Blanc, Zenga potrebbe fare al caso della nuova proprietà cinese in fase d’assestamento.

Già la nuova proprietà. Suning sa il fatto suo e non ha bisogno di consigli, ma deve iniziare a calarsi nella parte con passione nerazzurra sfrenata e appassionata. Anche e soprattutto per questo, coinvolgere maggiormente Zanetti, arruolare gente meravigliosa alla Ferri o alla Zenga, aiuterebbe l’uomo d’affari orientale a capire, in fretta e appieno, cos’è l’Inter.

Stefano Mauri  

 

 

 

 

 

 

Chi è Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Leggi anche

Higuain? Gonzalo segna e fa sognare, ergo che si fotta la sua dieta. No?

    Grasso? Ingordo? Poco attento all’alimentazione: intesa come quella sana, equilibrata, per così dire …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com