Home / Bar Sport / Il Portogallo non è più triste, la Francia che si specchia troppo, Ronaldo leader

Il Portogallo non è più triste, la Francia che si specchia troppo, Ronaldo leader

20150616 - Portugal - Italie - Genève - Fernando Santos

 

Cristiano Ronaldo, più leader di Messi e Pogba (ad Euro 2016 ha forse pensato troppo al calciomercato?) messi (curioso il giochino di … parole) insieme, merita il Pallone d’Oro e, da domenica 10 luglio, con la sua nazionale è finalmente entrato nella storia: grazie alla vittoria sulla Francia infatti, il Portogallo ha ottenuto la sua prima grande affermazione di livello, ergo chapeau ai portoghesi allenati dal minimalista Santos e al Cristiano infortunato, ma felice.

La Francia di mister tentenna, con (perennemente) l’aria triste di chi, spinto da fretta indiavolata, una volta arrivato al casello autostradale trova una coda infernale, Deschamps?

Paradossalmente, nella finalissima forse, a tratti ha giocato persino meglio dei lusitani, ma il limite dei francesi che si specchiano sempre, beh è quello di piacersi troppo, di buttare alle ortiche tempo ed occasioni, così alla fine, il selezionatore lusitano, alchimista tattico specializzato ad annientare il gioco altrui, l’ha spuntata al fotofinish, con una rete del subentrato Eder e senza rubare nulla.

Pogba? Fuori ruolo (ma insomma, Deschamps è un trainer da top club, o no?), stanco, demotivato, distratto dalle strenne di mercato, ecco all’Europeo non ha entusiasmato.Meglio di lui si è comportato il compagno Griezmann (nella finale persa però si è dimenticato di essere un diavoletto giocando da chierichetto), attaccante atipico moderno interessantissimo che in prospettiva, deve maturare e può diventare veramente grandissimo. Tornando al centrocampista juventino (fino a quando?), calciatore felpato e danzante, certamente è elemento talentuoso in grado di spaccare equilibri, ma per diventare grande sul serio, gli manca ancora qualcosina. Non è che per trovare la fatidica scintilla deve lasciare il football italiano ormai eccessivamente stretto e stantio per lui?

Stefano Mauri

Chi è Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Leggi anche

Donnarumma e il Milan, Fiorentina in vendita, rinforzi per la Juventus

    E … beh se così, per vedere l’effetto che fa, Gigio Donnarumma (mister …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi