Home / Bar Sport / Milanisti: tutti in piedi ad applaudire il Cavalier Berlusconi che lascia il Milan

Milanisti: tutti in piedi ad applaudire il Cavalier Berlusconi che lascia il Milan

 

 

Visionario, pragmatico, vincente, generoso, splendido, meraviglioso: questo e tanto altro ancora è stato, calcisticamente parlando, il Cavalier Silvio Berlusconi, calciofilo lungimirante che dal 1985 a oggi, di fatto, ha scritto, dando input incisivi, la storia del Mila: club entrato nella leggenda internazionale grazie, proprio all’avvento, alla presidenza, del Presidentissimo.

E adesso cosa succederà al team rossonero? Allora la cordata cinese rappresentata dall’advisor italo americano Salvatore Galatioto, e dal referente Nicholas Gancikoff, a Fininvest, per l’acquisto dell’80% delle quote milaniste verserà 450 milioni circa, cui bisogna aggiungere l’assorbimento di 200 milioni di debiti e i 400 in conto capitale in varie tranche per arrivare quindi a 1,1 miliardi. Gesto d’amore appassionato, Berlusconi ha chiesto che una parte dell’esborso, su per giù 400 milioni (merito dell’importanza globale e del peso mondiale – potenziale del Milan), nel giro di due, tre anni finisca nelle casse sociali della squadra con sede al Portello, per la gestione del club. Adriano Galliani, presumibilmente rimarrà vicepresidente con deleghe alla politica sportiva e all’area tecnica, certamente inoltre, l’avvento dei cinesi, come nel caso dei cugini interisti, aprirà al sodalizio caro, tra gli altri, al governatore della Lombardia Roberto Maroni, nuove opportunità commerciali. Dal canto loro, Galliani dietro la scrivania, mister Vincenzo Montella sul campo, ecco proveranno subito a ridare credibilità a una nobile decaduta, ma con tanta voglia di ripartire, del football internazionalpopolare.

Arrivato, tanti anni fa, al timone societario del Milan per inseguire un sogno, Berlusconi in tutti questi anni ha vinto, plasmato campioni, lanciato allenatori, ottenuto consensi mondiali e, a modo suo, ecco ha cambiato il calcio italiano. A lui va il grazie di tutti gli sportivi. Mancherà il Cavaliere di Arcore ai calciofili? Lo scopriremo vivendo.

Stefano Mauri   

Chi è Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Leggi anche

Donnarumma e il Milan, Fiorentina in vendita, rinforzi per la Juventus

    E … beh se così, per vedere l’effetto che fa, Gigio Donnarumma (mister …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi