Home / Focus / L’Italia di Conte più bella e miracolosa del ponte di Christo: grazie comunque

L’Italia di Conte più bella e miracolosa del ponte di Christo: grazie comunque

Grazie Italia e grazie Antonio Conte: grazie a voi azzurri siamo tornati, magari anche solo per poco a sognare, a guardare avanti, ad andare oltre anche se di fronte abbiamo il mondo, un mondo che ci guarda sempre dall’alto in basso.

Sì perché la nazionale italica, per la cronaca una delle copie più sbiadite degli ultimi sfavillanti, più o meno, anni, grazie al Ct Guru, al Contismo, alla voglia di correre, di lottare, di mordere il destino ha messo in fila le migliori espressioni calcistiche europee, Grande Germania compresa (che ci ha battuto solo ai rigori, lotteria sensualmagica) e, adesso, in semifinale, i teutonici  attendono  la migliore tra Francia (mette malinconia la rappresentativa transalpina) e Islanda.

Questo quando tutti, sottoscritto compreso, alla vigilia di Euro 2016, ai Conte Boys, che ancora siamo quai a chiederci come mai non ci sia Pavoletti, ecco non avremmo dato un euro.

Cosa ci resta della sconfitta sofferta con la Germania e di questo parziale di manifestazione europea calciofila?

La grinta, l’abilità tattica, il furore agonistico e la capacità straordinaria nel… motivare di sua immensità Antonio Conte. La forza dei monumenti bianconeri Buffon, Barzagli, Chiellini e Bonucci (vale Franco Baresi oggi). Il dinamismo di Giaccherini (Prandelli mio cosa ti sei perso) che se andrà, come sembra, alla Fiorentina sarà il jolly prezioso dei viola. E poi ancora la fame di Eder che con Mancini (voto 3 al coach nerazzurro) non ne pigliava una, ma in Francia ci ha fatto godere, come Pellè, Macho più di un Tronista che forse meriterebbe ora un top club italico. No?

E adesso? Continuiamo a sognare con l’esparto Ventura. Ma di questo parleremo a breve, adesso chiudiamo gli occhi e con Conte e i suoi calciatori continuiamo, emozionandoci, nonostante tutto e i maledetti rigori … a godere. Ancora un pochino.

Stefano Mauri

 

Chi è Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Leggi anche

La Juve corteggia il laziale Milinkovic Savic, Milan Donnarumma può restare

    Allora, in posizione defilata, ma non troppo, la Juventus starebbe corteggiando e seguendo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi