Home / News / Black Sea, di Kevin Macdonald: nelle profondità del meno marino dei mari

Black Sea, di Kevin Macdonald: nelle profondità del meno marino dei mari

Black SeaQuesto film, vincitore del Leone Nero al penultimo Courmayeur Noir Festival, ha due indiscussi motivi d’interesse.
Il primo sono i sommergibili, set cinematografici “naturali” per eccellenza. I film ambientati nei claustrofobici spazi dei sottomarini non si contano ormai più, ma continuano a funzionare. Credo che il motivo stia nel senso di forza e debolezza insieme che infondono queste particolari imbarcazioni, invisibili, perfette macchine per l’immersione e, allo stesso tempo, fragilissime, potenziali bare d’acciaio per il loro equipaggio.
Questa doppia faccia dei sommergibili ha segnato la storia della mia famiglia. Mio padre nella seconda guerra mondiale si occupava della loro manutenzione nel porto di Taranto, e me ne ha sempre magnificato la bellezza tecnologica. D’altro canto suo cugino, marinaio, è rimasto dolorosamente disperso nell’affondamento di uno di quei gioielli.
V’è tuttavia da notare che il cinema hollywoodiano ha saputo ambientare su un sommergibile una delle sue più spassose commedie brillanti, il sempreverde “Operazione sottoveste” col suo sottomarino verniciato di rosa a equipaggio misto.
Non c’è dubbio, però, che questi natanti che si muovono nei fondali marini sono un palcoscenico ideale per il cinema di tensione, soprattutto perché, come immancabilmente accade nella pellicola di Macdonald, la convivenza forzata nell’angusto habitat di un sommergibile scatena dinamiche interpersonali estreme.
L’altro motivo d’interesse del film è il Mar Nero, il più sfuggente di tutti i mari, visto che se non fosse per lo stretto del Bosforo che lo collega al Mediterraneo sarebbe un immenso lago. A voler essere più precisi, “The Black Sea” è addirittura un quasi lago comunicante con altri due quasi laghi: il Mare di Azov e il Mar di Marmara. Ultimamente, il Mar Nero è assurto a triste notorietà per il sanguinoso conflitto russo/ucraino per il possesso della penisola di Crimea.
Il titolo di “sfuggente” se lo merita non solo per le sue caratteristiche geografiche uniche, ma anche per il fatto che fin dall’antichità è stato indifferentemente definito come ospitale e inospitale, e ancora oggi, con quel nome lugubre (ma pare che l’origine etimologica non alluda a niente di negativo), e le sue caratteristiche fisico-ambientali assai diverse da quelle di un mare aperto, non si capisce se sia una ricchezza o una sfortuna.
Il thriller di Macdonald mantiene questa ambiguità.
I protagonisti della storia, infatti, partecipano alla missione “pirata” sottomarina per il recupero del tesoro nascosto dentro il relitto di un U-boot. L’ operazione è resa possibile dalla scarsità d’ossigeno nei fondali del Mar Nero, che mantiene in buono stato quanto vi affonda anche a grande distanza di tempo.
The Black Sea è tuttavia pieno d’insidie per la navigazione di un sommergibile, specie se deve muoversi all’insaputa della Marina russa e ucraina che lo presidiano, senza nemmeno poter lanciare, all’occorrenza, S.O.S, pena la prigione per tutto l’equipaggio.
Sui colpi di scena e le peripezie che si susseguono, e sul finale coerentemente in bilico tra il dramma e l’happy end, taccio, lasciando allo spettatore il gusto di goderseli, pur con l’avvertenza che neppure questa volta il cinema “sommergibilistico” delude.
Ottima la prova di Jude Law, Capitano Nemo dai molti lati oscuri, che per l’ennesima volta dimostra di essere, tra i “belli” del grande schermo, quello col maggior spessore interpretativo.

Chi è Rino Casazza

Rino Casazza è nato a Sarzana, in provincia di La Spezia, nel 1958. Dopo la laurea in Giurisprudenza a Pisa, si é trasferito in Lombardia. Attualmente risiede a Bergamo e lavora a Milano. E’ da sempre un appassionato (come lettore, prima che come autore) della letteratura "di genere" in tutte le sue sfaccettature: giallo-noir, horror, fantascienza ecc. ecc. Altra sua grande passione sono il cinema, come testimonial la tesi di laurea sulla censura cinematografica, e il teatro, frequentato non solo come spettatore ma anche, in gioventù, come praticante dilettante. Il suo primo testo "letterario" è infatti la trasposizione teatrale della novella di Buzzati "Iago", di cui nel 1985 ha osato una regia. Oltre a numerosi romanzi brevi (tra cui quelli che hanno come protagonista il prete detective Don Patrizio Bruni) e racconti su pubblicazioni, riviste e collane varie, ha pubblicato cinque romanzi, tra cui, lo scorso giugno, il giallo Bergamo sottosopra, 0111 Edizioni. E a luglio il thriller, scritto con Daniele Cambiaso "La logica del Burattinaio", edito da Algama e ispirato al serial killer bambino William Vizzardelli

Leggi anche

“La sindone del Diavolo” di Giulio Leoni: la vita nuova di Dante Alighieri

Inizio questa recensione con un rammarico. E’ vero che non si può leggere tutto ( …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com