Home / News / “La corrispondenza” di Giuseppe Tornatore, una suggestiva riflessione sull’eternità, forse inevitabilmente monotona

“La corrispondenza” di Giuseppe Tornatore, una suggestiva riflessione sull’eternità, forse inevitabilmente monotona

la-corrispondenza-trailer-italiano-e-foto-del-nuovo-film-di-giuseppe-tornatore-7Quello del trascorrer del tempo è un argomento affascinante che, con le scoperte della fisica moderna, da Einstein in poi, ha assunto una valenza non solo filosofica, o psicologica, ma anche scientifica. L’ultimo film di Tornatore, La corrispondenza, mi ha istintivamente richiamato un film, altrettanto piacevole, in apparenza lontanissimo come genere e contenuto: Contact di Robert Zemeckis, con una Jodie Foster molto in forma. Contact traeva il suo fascino da quello che molti cosmologi considerano il principale problema di un contatto tra civiltà terrestre ed altre aliene: l’abissale distanza tra noi e loro nello spazio-tempo. Intelligenze extraterrestri, insomma, quasi sicuramente esisterebbero, ma non potrebbero mai incrociare la loro strada con la nostra in quanto nate in parti dell’universo e/o in epoche per noi irraggiungibili.
Cosa c’entra questo, vi chiederete, con il film di Tornatore, una storia d’amore tra un uomo maturo e una giovane donna, a parte il fatto che entrambi, professore universitario l’uno e studentessa l’altra, si occupano di astrofisica?
Molto più di quanto si creda.
Il legame tra i protagonisti de La corrispondenza, basato su una fortissima consonanza intellettuale e spirituale, non solo supera l’ostacolo, sempre spinosissimo, della distanza geografica (il professore ha famiglia ed è pieno di impegni in giro per il mondo, perciò i due riescono a vedersi sporadicamente) ma addirittura riesce a spingersi oltre il confine della morte.
Come?, vi chiederete ancora. E’ forse una storia di comunicazione con l’aldilà?
No. La vicenda non abbandona mai questo nostro odiosamato mondo.
Il rapporto tra i due innamorati prosegue al venir meno di uno dei due grazie ad un artifizio della moderna tecnologia, derivato stretto delle teorie cosmologiche. Come la luce di una stella continua a brillare nel cielo anche se la stessa chissà da quanto tempo si è spenta, complice lo sconfinato intervallo spaziotemporale che la divide dalla Terra, così le immagini e la voce di una persona possono continuare a brillare per i suoi cari dopo la sua scomparsa.
Il film di Tornatore, un regista che non ha mai deluso, è tutto intessuto su questo gioco commovente dello spicchio d’eternità che l’amore può concedersi imitando la luce stellare.
Superfluo annotare che il protagonista maschile, il bravissimo Jeremy Irons, fornisce una prova di rilevo, per il suo fascino maturo un po malinconico perfettamente adatto alla storia. Convincente anche l’ex modella Olga Kurylenko, dalla quale Tornatore, ottimo nella conduzione degli attori, riesce a tirar fuori il meglio.
Per toccare vertici di eccellenza, il film avrebbe dovuto curare di più il ritmo, e abbreviare molti passaggi che risultano lenti e ripetitivi. Non è la prima volta che Tornatore mostra questo difetto (ad esempio anche il suo celebratissimo film desordio, Nuovo Cinema Paradiso, per rendersi più digeribile dovette essere tagliato) ma è probabile che, in questo caso, fosse un rischio calcolato per la materia scelta.

Chi è Rino Casazza

Rino Casazza è nato a Sarzana, in provincia di La Spezia, nel 1958. Dopo la laurea in Giurisprudenza a Pisa, si é trasferito in Lombardia. Attualmente risiede a Bergamo e lavora a Milano. E’ da sempre un appassionato (come lettore, prima che come autore) della letteratura "di genere" in tutte le sue sfaccettature: giallo-noir, horror, fantascienza ecc. ecc. Altra sua grande passione sono il cinema, come testimonial la tesi di laurea sulla censura cinematografica, e il teatro, frequentato non solo come spettatore ma anche, in gioventù, come praticante dilettante. Il suo primo testo "letterario" è infatti la trasposizione teatrale della novella di Buzzati "Iago", di cui nel 1985 ha osato una regia. Oltre a numerosi romanzi brevi (tra cui quelli che hanno come protagonista il prete detective Don Patrizio Bruni) e racconti su pubblicazioni, riviste e collane varie, ha pubblicato cinque romanzi, tra cui, lo scorso giugno, il giallo Bergamo sottosopra, 0111 Edizioni. E a luglio il thriller, scritto con Daniele Cambiaso "La logica del Burattinaio", edito da Algama e ispirato al serial killer bambino William Vizzardelli

Leggi anche

I ragazzi di Ponte Carrega di Maria Teresa Valle: Kay Scarpetta sotto la Lanterna

In principio fu miss Jane Marple di Aghata Christie (anzi, ad essere precisi, prima ancora …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi