Home / Focus / L’insostenibile peso della sicurezza è il limite di Cristiano Ronaldo all’Europeo?

L’insostenibile peso della sicurezza è il limite di Cristiano Ronaldo all’Europeo?

Cr7, vale a dire il nome in codice, o meglio, il brand, la sigla commerciale, il simbolo di marketing che rappresenta e identifica Cristiano Ronaldo, beh nonostante le tante vittorie di club con Manchester United e Real Madrid, in nazionale, quindi col suo Portogallo, sin qui non è che abbia raccolto molto. E quest’Europeo per lui, ergo, per la nazionale portoghese sta andando più male del solito.

Sì perché la truppa portoghese rischia l’eliminazione e si giocherà tanto, se non tutto, mercoledì al cospetto dell’Ungheria, capolista a sorpresa del gruppo F, il girone più folle, pazzo e loco di Euro 2016.

Ironia della sorte, quel Macho fichissimo di Cr7, lui che del culto dell’immagine e del look curato ha fatto un’azienda, ecco sfiderà il portiere ungherese Kiraly, vale a dire colui il quale che, ultraquarantenne, va in campo, incurante di apparire, con una tuta improponibile e portafortuna che pare un astuto, comunque beneaugurante pigiama.

E Ronaldo? Come mai l’asso portoghese a livello di rappresentative nazionali proprio non riesce a lasciare il segno? Mah, forse per eccesso di sicurezza o per sindrome di superiorità? Probabilmente perché arriva sempre stanco e stremato a fine stagione? Ancor’forse poiché la compagine del suo paese lo attizza meno che giocare nel club d’appartenenza? Oppure e per chiudere solo causa … sfortuna tipo il rigore sbagliato con l’Austria e spedito, a portiere battuto, sul palo?

Stefano Mauri

 

Chi è Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Leggi anche

Mandzukic promette sacrificio “all’innamorato” (di Ambra) mister Allegri

      Ora, detto (beato lui) che mister Max Allegri, insieme all’attrice (scoop del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi