Home / Bar Sport / La Francia non ancora Champagne passa nonostante … Deschamps

La Francia non ancora Champagne passa nonostante … Deschamps

 

Per fortuna c’è il jolly offensivo Dimitri Payet, tuttofare decisivo del fronte d’attacco d’oltrealpe non di primo pelo che… beh farebbe comodo a parecchie squadre italiane, nella Francia non ancora Champagne, per ora meglio il Metodo Classico Italiano, ma nonostante tutto e nonostante il Ct Deschamps in stato tattico confusionale, ecco è approdata in anticipo agli ottavi dell’Europeo giocato in casa.

 

Nel match vinto sull’Albania allenata dal trainer italiano De Biasi (apparso sin qui troppo timido e poi perchè la stellina Manaj non gioca?), Deschamps ci ha messo del suo per complicarsi la vita: troppi cambi tattici, con uomini fuori ruolo e mal schierati in un improbabile 4-2-3-1 (modulo questo da provare se avesse convocato Benzema), Coman tolto sul più bello, Pogba e Griezmann (subentrato ha sbloccato il match) in panchina. Questi i capi d’imputazione ascrivibili al Ct francese, professionista capace, per carità, ma spesso troppo testone, stizzoso e indeciso.

 

Come quando, nella primavera 2007, dopo aver riportato la Juve (retrocessa d’ufficio nel 2006 causa Calciopoli), per un’eccessiva divergenza di vedute con l’allora management bianconero, e, probabilmente per aver dato esclusivo ascolto al suo procuratore, anzichè ascoltare i dirigenti juventini, Deschamps si fece esonerare e per un poco stette fuori dal grande giro. Ma in questo Europeo non è soltanto lui che deve dimostrare di essere un grande, pure il centrocampista francese Paul Pogba, il gioiellone della Juve, fin qui timidone e impacciato è ora che esca dal guscio e dimostri tutto il suo valore, no? Fondamentale per la Juve (dove salvo offertone giocherà anche l’anno prossimo) e per il suo miste di club Allegri, il polipone Paul, in questa prima fase dell’Europeo non ha fatto vedere ancora nulla. Ha tenuto i colpi migliori per le fasi finali? Lo scopriremo a breve.

Stefano Mauri

Chi è Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Leggi anche

La Juve corteggia il laziale Milinkovic Savic, Milan Donnarumma può restare

    Allora, in posizione defilata, ma non troppo, la Juventus starebbe corteggiando e seguendo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi