Home / Focus / Italia non temere la Svezia e gioca, bella la Croazia, Francia e Germania Ok

Italia non temere la Svezia e gioca, bella la Croazia, Francia e Germania Ok

Sì, la rappresentativa azzurra confezionata, plasmata, allenata, difesa, teleguidata e animata dal commissario tecnico Antonio Conte, (il Chelsea ad affidargli la panchina ha fatto un grande affare), non è un mix di fuoriclasse sopraffini, ma è una squadra cuore, polmoni e cervello fatta da persone speciali e calciatori mai domi che, per il gruppo, la maglia e il proprio condottiero (portatore sano di Contismo) si getterebbero nel fuoco. Detto che siamo solo all’inizio, ricordato che pure due anni fa in Brasile Bonucci (oggi vale quanto un tempo valeva il grandissimo Franco Baresi. O no?) e soci partirono bene, ma poi si afflosciarono, ecco è altrettanto indicativo sottolineare che se il Belgio era ed è considerato poesia sensualintrigante, quest’Italia è prosa pratica, provincialartigiana, arrapante che, con un po’ di fortuna (calendario e relativi sviluppi di abbinamenti promettono tempesta) potrà fare un pochino di strada in quest’Europeo 2016 Made in Francia.

 

Ergo venerdì prossimo non bisogna temere la Svezia di Ibra e, con la guardia bella alta, occorrerà giocare senza vergogna e remore serenamente, ma rispetto al Belgio essere più propositivi non guasterebbe, all’italiana con la consapevolezza che per andare oltre serviranno guizzi straordinari.Colpire e stupire ecco le parole chiave che ben si sposano con i Conte Boys, paroline magiche che si accompagnano bene pure alla bellissima Croazia vittoriosa al suo debutto con la rognosa Turchia.

 

Il centrocampo croato in particolare, forte di interpreti quali Modric (playmaker sensualmagico), Rakitic, Badelj, Brozovic e Perisic, senza dubbio va inquadrato come un settore stratosferico in grado di spaccare e fare la differenza alla spalle del sornione Mandzukic, centravanti della Juventus sgobbone che, tanto piace a Max Allegri e sa far reparto da solo. Sempre venerdì, la Croazia se la vedrà con la Repubblica Ceca e i tre punti paiono alla portata. Il debutto della Francia e della Germania? Buono sono due squadroni da finale.

Stefano Mauri

 

 

 

 

Chi è Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Leggi anche

Alfredo Pedullà: … Sarà il forte gallese il colpo ad effetto?

    Sostiene Alfredo Pedullà, giornalista esperto, anzi, Re del calciomercato che, sottotraccia, ma non …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi