Home / Bar Sport / Così Totti rinnova con la sua Magica Roma ma sarebbe servito di più a Conte

Così Totti rinnova con la sua Magica Roma ma sarebbe servito di più a Conte

 

 

 

 

 

Francesco Totti resterà alla Roma come calciatore ancora per una stagione, poi tra un anno appenderà le scarpette al fatidico chiodo e intraprenderà la carriera dirigenziale (in giallorosso ovviamente) nelle vesti di direttore tecnico. Questo Totti, vale a dire il giocatore fantasticamente appassionato, forte, estroso, tecnicamente dotato e in grado, ecco di tirare fuori dal suo cilindro una magia, nell’annata conclusa da poco, spesso, gestito da mister Luciano Spalletti (c’era ruggine tra i due, passata la burrasca hanno fatto pace. Durerà l’armistizio?) e inserito a venti minuti dalla fine, contro difese massimaliste e stanche ha fatto la differenza. Soprattutto per questo, all’Italia del Ct Antonio Conte (a proposito: in bocca al lupo al suo successore Ventura), nell’avventura all’Europeo (competizione corta ove fortuna e guizzi contano) sarebbe servito. Sì in nazionale, visto che Berardi è rimasto a casa, il Capitano romanista, opportunamente dosato, avrebbe potuto recitare il ruolo della mina vagante dotata di fantasia risolutiva e genio. Ma Conte non l’ha chiamato, quindi continuare a battere su e questo tasto serve esclusivamente a fare retorica. Meglio aspettare e vedere se, tra qualche mese, all’inizio del campionato, Francesco Totti fu Pupone (se Pallotta non l’avesse confermato avremmo assistito a una rivoluzione all’ombra del Colosseo), riuscirà ancora a incidere (e decidere) allorquando Spalletti (sarà davvero felice l’allenatore toscano della conferma del Capitano non giocatore?) lo chiamerà in causa.

Stefano Mauri

 

 

 

 

Chi è Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Leggi anche

La Juve corteggia il laziale Milinkovic Savic, Milan Donnarumma può restare

    Allora, in posizione defilata, ma non troppo, la Juventus starebbe corteggiando e seguendo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi