Home / Bar Sport / Con l’Inter cinese non è che mister Mancini farà le valigie? E che farà il Milan?

Con l’Inter cinese non è che mister Mancini farà le valigie? E che farà il Milan?

 

 

 

Quindi ci siamo: investitori cinesi, nella fattispecie Suning, a giorni, se non a ore acquisiranno il 70% dell’Inter, con Thoir che resterà socio di minoranza al 30% e Moratti che invece uscirà definitivamente di scena. Tutto questo salvo colpi di coda. E tutto questo, inevitabilmente porterà sicuramente conseguenze sulle future strategie economiche, societarie, calcistiche (il calciomercato è già entrato nel vivo) e finanziarie nerazzurre. Voluto da Moratti, sostenuto da Thoir, mister Roberto Mancini (sottovalutato o sopravalutato?), reduce da una stagione non eccezionale, cosa farà adesso? Resterà? Vedrà ridimensionato il suo ruolo di coach manager? Verrà sollevato dall’incarico (e con lui il diesse Ausilio?) coi cinesi che porteranno un trainer di loro fiducia? Lo scopriremo vivendo. Così come scopriremo se i cinesi investiranno euro pesanti per alimentare il rinnovato progetto interista oppure, se come Thoir si limiteranno a sopravvivere.

E sull’altra sponda (rossonera) milanista dei Navigli Meneghini? Allora Silvio Berlusconi, consigliato dai figli parrebbe disposto (ma ne siamo sul serio sicuri?) a cedere il Milan, ma la situazione da quelle parti resta magmatica e in continua evoluzione.

Viviamo tempi difficili di crisi e ristrettezze, ma è strano che la Milano post Expo, così per vedere l’effetto che fa e per necessità svenda i suoi simboli (gioielli da ristrutturare massicciamente) ai migliori offerenti stranieri alla faccia del Made in Italy e della romantica milanesità.Ed è strana infine la tempistica di tali eccezionali movimenti: a giugno solitamente è tempo di campagna acquisti – cessioni, non di grandi manovre. No?

Stefano Mauri

 

 

 

 

 

Chi è Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Leggi anche

Donnarumma e il Milan, Fiorentina in vendita, rinforzi per la Juventus

    E … beh se così, per vedere l’effetto che fa, Gigio Donnarumma (mister …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com