Home / Culture / Pro Dan Brown

Pro Dan Brown

inferno 1 - Copia

Bisognerebbe avere l’onestà di riabilitare Dan Brown, nonostante l’autore americano abbia tutto per essere mal giudicato.
Quando uno scrittore invade il mondo coi suoi libri, come è capitato al nostro dopo l’uscita de “Il codice da Vinci” il pregiudizio che si tratti di un fenomeno creato ad arte dai manipolatori del marketing editoriale scatta inevitabile.

Sorte toccata a tanti altri suoi colleghi, spesso meritatamente, anche se non mancano ingiustizie, come quella che riguarda Stephen King, snobbato quale maestro di effettaci che strizzano l’occhio al lettore meno avveduto, e invece talento vero, basta leggersi le storie che hanno per protagonisti bambini o adolescenti ( e mi piace citare “La bambina che amava Tom Gordon”) degne del miglior Mark Twain.
Dan Brown, intendiamoci, ha poco da spartire con King, la cui scrittura è senz’altro più raffinata, ma è ingeneroso dire che la sua narrativa è costruita a tavolino, per riempire uno dei pochi vuoti rimasti nel supersaturo genere del “thriller”, ovvero gli intrighi riguardanti le arti figurative, campo d’azione del detective creato dalla fantasia di Brown, il professor Peter Langdon.

Innanzitutto la prova senz’altro più debole di Brown è proprio quella che gli ha fatto fare, come si dice, “il botto”, ovvero il celeberrimo “Il Codice da Vinci”, assai più valido come saggio divulgativo sul mistero, indubbiamente affascinante, del Sacro Graal che come storia di “suspance” in sé.
Migliori senza dubbio sia “Angeli e Demoni” (nonostante la patina da fumettone), precedente ma lanciato su scala mondiale dopo il successo de ” Il Codice da Vinci”, sia, soprattutto “Cripto”, opera prima di Brown, un bel “thriller” serrato che riesce a dire la sua su un argomento non proprio originale come lo spionaggio informatico.

Che Brown abbia scritto qualcosa di veramente buono, anzi: di migliore prima di diventare il Re Mida de “Il codice da Vinci”, è il punto di partenza per una valutazione equa.
Sua caratteristica peculiare, che emerge proprio in “Cripto” è la bravura nel gestire tempi dilatati con scorrevolezza e senso del ritmo. Tutte le storie fin qui pubblicate dall’autore americano abbracciano un arco temporale breve, al massimo qualche giorno, eppure la narrazione si prolunga per centinaia e centinaia di pagine senza mai sconfinare nel tipico mattone della letteratura popolare anglosassone.
Il segreto sta nell’accorta alternanza degli ingredienti.

In “Inferno” questa tessitura a incastro di temi narrativi si arricchisce addirittura rispetto alle prove precedenti.
C’è, come sempre, l’approfondimento della storia dell’arte e dell’architettura mondiale, in questo caso in prevalenza italiana, visto che la vicenda si svolge per la maggior parte in due città simbolo del nostro paese, Firenze e Venezia.
C’è poi l’azione, sotto forma di un intrigo internazionale, pieno di misteri, ribaltamenti e colpi di scena, stavolta davvero vertiginosamente complesso come nelle trame migliori del re delle storie a scatole cinesi, Jeffrey Deaver, erede moderno della grande Agatha.

Non manca nemmeno, ed è forse l’aspetto che più piacerà ai lettori non “di genere”, una galleria di personaggi difficili da dimenticare, apparentemente stereotipati ed invece ricchi di sfaccettature che la storia nel suo evolversi mette in luce.
Infine, questo romanzo tanto migliore della sua cattiva fama di prodotto effimero, si permette di allargare lorizzonte, ed in modo non convenzionale, a problematiche che vanno al di là della letteratura d’evasione.
Di più credo sia difficile chiedere.

Chi è Rino Casazza

Rino Casazza è nato a Sarzana, in provincia di La Spezia, nel 1958. Dopo la laurea in Giurisprudenza a Pisa, si é trasferito in Lombardia. Attualmente risiede a Bergamo e lavora a Milano. E’ da sempre un appassionato (come lettore, prima che come autore) della letteratura "di genere" in tutte le sue sfaccettature: giallo-noir, horror, fantascienza ecc. ecc. Altra sua grande passione sono il cinema, come testimonial la tesi di laurea sulla censura cinematografica, e il teatro, frequentato non solo come spettatore ma anche, in gioventù, come praticante dilettante. Il suo primo testo "letterario" è infatti la trasposizione teatrale della novella di Buzzati "Iago", di cui nel 1985 ha osato una regia. Oltre a numerosi romanzi brevi (tra cui quelli che hanno come protagonista il prete detective Don Patrizio Bruni) e racconti su pubblicazioni, riviste e collane varie, ha pubblicato cinque romanzi, tra cui, lo scorso giugno, il giallo Bergamo sottosopra, 0111 Edizioni. E a luglio il thriller, scritto con Daniele Cambiaso "La logica del Burattinaio", edito da Algama e ispirato al serial killer bambino William Vizzardelli

Leggi anche

I ragazzi di Ponte Carrega di Maria Teresa Valle: Kay Scarpetta sotto la Lanterna

In principio fu miss Jane Marple di Aghata Christie (anzi, ad essere precisi, prima ancora …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi