Home / Senza categoria / Andrea Berta da Orzinuovi, il Direttore dell’Atletico Madrid che in tanti vogliono

Andrea Berta da Orzinuovi, il Direttore dell’Atletico Madrid che in tanti vogliono

andrea_berta-770x400

 

Parla poco, lavora tanto e non rilascia interviste il direttore sportivo, bresciano di Orzinuovi come Cesare Prandelli fu Claudio (per lui niente panchina dell’Atalanta: il mister ha infatti preferito la Lazio, ndr) Andrea Berta, addetto ai lavori, o meglio, calciofilo capace, per la cronaca uno dei migliori direttori sportivi italiani sulla piazza, che sabato sera, col suo Atletico Madrid, vale a dire il club per il quale lavora, in quel di San Siro a Milano, proprio come due anni fa, rigiocherà la finale di Champions League oppostoai cugini del Real.

Sì è veramente bravo il giovane, ex bancario Berta, appassionato, preparato, inserito: conosce bene la geografia calcistica internazionale ed è vicino alla Galassia (che il football è rappresentato secondo costellazioni) calciofila di George Mendes (procuratore di Mourinho), professionista capacissimo e, soprattutto, corteggiato da tante società. Non è infatti un mistero che team del calibro di Manchester United (Mourinho lo vorrebbe), Roma, Milan, Inter e lo stesso Real Madrid, Andrea Berta lo assumerebbero a occhi chiusi.

Ma almeno fino alla fine del 2017, Berta non mollerà l’Atletico rimanendo così a vivere con la famiglia nella ridente località di Majadahonda dove, tutto casa e lavoro, si trova da re mangiando,talvolta per rilassarsi, tra un impegno e l’altro,concedendosi il piacere di mangiare gustoso pesce fresco. A proposito, da quando, agli inizi del Duemila, l’addetto ai lavori orceano, opera nel calcio, il suo motto è essenzialmente quello di inseguire e “acciuffare”, per le sue squadre, non il calciatore più forte, ma quello giusto. E seguendo tale manifesto ideologico, in tutti questi anni, Andrea Berta, qualche colpetto l’ha piazzato.

I nomi dei talenti colti dal suo straordinario fiuto? Eccoli: Griezmann (sarà lui l’uomo simbolo della Francia ai prossimi, imminenti campionati Europei?), Jiminez, Correa, Oblak e altri tanti ancora. Così, aspettando l’esito della finalissima di sabato tra Real e Atletico, ecco, in un certo senso, Berta (un’aziendalista del suo calibro alla Juventus farebbe faville), sicuramente già sul pezzo per tesserare l’ennesima scoperta internazionale futura, la sua Champions League l’ha, meritatamente, comunque già vinta.

Stefano Mauri

 

 

 

Chi è Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Leggi anche

Donnarumma e il Milan, Fiorentina in vendita, rinforzi per la Juventus

    E … beh se così, per vedere l’effetto che fa, Gigio Donnarumma (mister …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi