Home / News / Batman e Superman appassionati nemici

Batman e Superman appassionati nemici

Il film “Batman contro Superman: down of Justice”,   così smaccatamente “kitsh” che finisce per fare di questo difetto la sua forza,   permette qualche riflessione sul “cinema dei supereroi”.

batman-vs-superman-600x600

 

L’anno scorso il regista Alejandro Inarritu, incoronato re di Hollywood per due anni consecutivi con i film Birdman e Revenance, lanciò una bordata contro i film dei supereroi, sostenendo che sono una caduta di stile e di livello nell’arte cinematografica a causa del  loro soggetto culturalmente povero, ricavato non a caso dai fumetti di massa per ragazzini.

Chi come me  da ragazzino divorava le storie illustrate dei vari Spiderman, Superman, Devil, Thor etc etc, e adesso, in età matura, continua a divertirsi con le loro trasposizioni cinematografiche, ha incassato con un certo fastidio.

Mi piace pensare che questo Batman contro Superman: l’alba della Giustizia, sia una risposta alla stroncatura di Inarritu.

In effetti, ne ha tutta l’aria.

Il regista Zack Snyder, specialista del genere, mette in scena un “fumettone” in cui l’Uomo d’Acciaio e L’Uomo Pipistrello addirittura si combattono, situazione del tutto inedita che strizza l’occhio alla spettacolarità.

Benché  di Batman venga sottolineata l’ambiguità (è un vero paladino della giustizia o uno spietato vendicatore?) in molte pellicole precedenti, soprattutto nella serie del “cavaliere oscuro” di Nolan, mentre la generosità di Superman sia  intaccata unicamente da equivoci o da macchinazioni del suo acerrimo nemico  Lex Luthor,  Snyder fa disinvoltamente di entrambi  figure in chiaroscuro, contraddittorie e antipatiche.

E non si risparmia nell’ambiestazione, mettendo davanti agli occhi dello spettatore entrambe le finte ma mitiche città che fanno da scenario alle gesta dei due paladini della giustizia in costume: Metropolis e Ghotam City.

Per quanto riguarda gli effetti speciali, ça va san dire che, specie nei combattimenti “fratricidi” tra gli alfieri del bene, vengono elargiti a profusione.

Insomma una vera summa, senza ritegno, del genere.

Tornando alla polemica di Inarritu, crediamo che il severo parere  del regista messicano sia viziato da un antico pregiudizio: quello che esista un cinema “alto”, portatore di contenuti e quindi da esaltare,  e uno “basso”, vuoto e fine a sé stesso e quindi da snobbare.

Una distinzione fuorviante che si ritrova anche nell’ambito del fumetto,  laddove si  voglia riconoscere solo a una parte, quella più raffinata e culturalmente impegnata, di questo genere espressivo l’attributo di “letteratura disegnata” coniato da Hugo Pratt.

Invece va riconosciuta pari dignità al (presunto) “alto” e (presunto) “basso”, ovvero a Spiderman come a La dolce vita, perché saper intrattenere col fantastico e il meraviglioso è altrettanto importante che interpretare il mondo e  far riflettere.

 

 

Chi è Rino Casazza

Rino Casazza è nato a Sarzana, in provincia di La Spezia, nel 1958. Dopo la laurea in Giurisprudenza a Pisa, si é trasferito in Lombardia. Attualmente risiede a Bergamo e lavora a Milano. E’ da sempre un appassionato (come lettore, prima che come autore) della letteratura "di genere" in tutte le sue sfaccettature: giallo-noir, horror, fantascienza ecc. ecc. Altra sua grande passione sono il cinema, come testimonial la tesi di laurea sulla censura cinematografica, e il teatro, frequentato non solo come spettatore ma anche, in gioventù, come praticante dilettante. Il suo primo testo "letterario" è infatti la trasposizione teatrale della novella di Buzzati "Iago", di cui nel 1985 ha osato una regia. Oltre a numerosi romanzi brevi (tra cui quelli che hanno come protagonista il prete detective Don Patrizio Bruni) e racconti su pubblicazioni, riviste e collane varie, ha pubblicato cinque romanzi, tra cui, lo scorso giugno, il giallo Bergamo sottosopra, 0111 Edizioni. E a luglio il thriller, scritto con Daniele Cambiaso "La logica del Burattinaio", edito da Algama e ispirato al serial killer bambino William Vizzardelli

Leggi anche

I ragazzi di Ponte Carrega di Maria Teresa Valle: Kay Scarpetta sotto la Lanterna

In principio fu miss Jane Marple di Aghata Christie (anzi, ad essere precisi, prima ancora …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi